I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Ddl Zan, ecco perchè è un grave tentativo di imporre il pensiero unico

Il problema con il DDL Zan non è ovviamente che difenda i diritti degli omosessuali, che infatti è giusto difendere come peraltro la Costituzione prevede per ogni cittadino, omosessuale o eterosessuale che sia. Nessuno deve essere discriminato per i suoi gusti sessuali, questo deve essere chiaro: tra consenzienti maggiorenni ogni relazione ha piena dignità. Ora, se si trattasse semplicemente di questo, ripeto, il DDL Zan sarebbe giusto e, insieme, superfluo, dacché è la legge italiana a prevedere la giusta punizione per ogni forma di discriminazione che non sia quella di tipo economico.

Il fatto che l'operaio - omosessuale o eterosessuale che sia - non possa fruire concretamente di certi servizi non è, curiosamente, mai considerata discriminazione: anche perché battersi contro tale discriminazione vorrebbe ipso facto dire battersi contro la società a forma di merce di cui siamo abitatori, la quale trasforma i diritti di tutti in merci di chi può permettersele.

Ordunque, il problema con il DDL Zan sta, invece, nel fatto che esso rischia di usare la sacrosanta difesa dei diritti delle persone omosessuali come scudo per coprire, giustificare e imporre un modo di pensare rispetto al quale ci si dovrà coattivamente adattare. In un mio libro, l'ho chiamato il nuovo ordine erotico, che è poi il completamento del nuovo ordine mondiale sul piano dei costumi e degli affetti.

Ad esempio, nel pieno rispetto dei gusti sessuali di tutti, dire che un figlio ha diritto ad avere un padre e una madre sarà reato secondo il DDL Zan? Ancora: dire che per natura esistono maschi e femmine sarà perseguitato come gesto discriminatorio? Leggere Tommaso d'Aquino e Kant sul tema della famiglia sarà reato? E, ancora, sarò punito chi osi pretendere che i propri figli a scuola non ricevano l'indottrinamento à la page, per cui esiste soltanto il consumatore unisex che tanta libertà ha quanta può comprarne?

Del resto, così affermò a "Radio Capital" Alessandro Zan: "la libertà di pensiero non è un valore assoluto" (Radio Capital, 5.8.2020, ore 8:45). Ben venga, allora, la lotta contro le discriminazioni: ma non la si usi a mo' di scudo per imporre nuove discriminazioni tese a produrre l'omologazione delle teste e dei cuori.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    ddl zan legge pensieroddl zan pensiero unicoddl zan pensieroddl zan legge libertà pensiero
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    A una splendida Monica Bellucci il David alla Carriera 2021

    Spettacoli

    A una splendida Monica Bellucci il David alla Carriera 2021

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, primavera maledetta: da martedì temporali per tutta la settimana

    Meteo, primavera maledetta: da martedì temporali per tutta la settimana


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes svela il Concept EQT

    Mercedes svela il Concept EQT


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.