I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Maschile e Femminile hanno pari dignità. Ma nella loro differenza

"I vestiti non hanno genere". E compare, su "Repubblica", l'immagine di un docente dinanzi alla lavagna, intento a iniziare la lezione con una gonna indosso in luogo dei tradizionali e forse giudicati troppo paternalistici e patriarcali calzoni. Ecco l'ennesima notizia di ordinaria centrifugazione postmoderna delle identità, propagandata come apoteosi della libertà del nostro tempo. L'idea, ribadita ovunque e sempre con lo stesso registro, è in fondo semplicissima: non esistono confini di alcun tipo, geopolitico o etico, morale o tradizionale, religioso o culturale; deve trionfare ovunque l'apertura dell'indifferenza, la openness della società di mercato, nei cui spazi l'individuo può tutto senza interdizioni, a patto che possa economicamente permetterselo. Detto altrimenti, astrattamente può tutto senza interdizioni e concretamente la sua possibilità è coestensiva al valore di scambio di cui dispone. Vi racconto un aneddoto della mitologia greca.

Lo narra il poeta Stazio nell'"Achilleide". Per sottrarsi al destino di morte in guerra, il giovane Achille venne mandato a Sciro, presso la corte del re, dove fu camuffato da bambina, di modo che nessuno potesse identificarlo e trascinarlo in guerra a Troia. Giunto a Sciro per stanare il piccolo Achille, l'astuto Odisseo, dal multiforme ingegno, non riusciva a trovarlo: vedeva solo fanciulle intente a giocare con i balocchi propri delle ragazzine. A quel punto, senza disperare, lo scaltro Odisseo escogitò uno dei suoi geniali stratagemmi: camuffato da mercante, Odisseo portò alla corte di Shiro abiti preziosi e tessuti raffinati, ma anche alcune spade... a quel punto, il solo Achille, senza interessarsi a null'altro, si lanciò rapido sulle spade. Odisseo svelò in questo modo l'identità di genere del giovane eroe. Il fabula docet che traiamo dalla vicenda è che esistono peculiarità di genere che rimandano al maschile e al femminile. Il maschile e il femminile, per parte loro, hanno pari dignità nella loro differenza, essendo le due parti egualmente fondamentali di cui consta la natura umana e grazie alle quali essa si riproduce da millenni.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    parità di genere
    Loading...
    in evidenza
    Heidi Klum, autogol a Euro2020 Maglia Germania succinta. Foto

    Taylor Mega, balletti da sogno

    Heidi Klum, autogol a Euro2020
    Maglia Germania succinta. Foto

    i più visti
    in vetrina
    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

    Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


    casa, immobiliare
    motori
    Gladiator: design autenticamente Jeep

    Gladiator: design autenticamente Jeep


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.