I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Putin, pensioni e salario minimo: così risolleva e governa la Russia

Grande successo in Russia per Putin. Ovviamente, i cani da guardia a stelle e strisce, il clero giornalistico di fede atlantista e i teorici della open society con democrazia missilistica incorporata hanno ringhiato furenti: sostengono che in Russia v’è stato un broglio elettorale e che al Cremlino vige la dittatura. È la solita Putinfobia del Leviatano a stelle e strisce e dei suoi servitori, che vorrebbero una globalizzazione senza striature e senza obiezioni, senza opposizione e composta da docili servitori come loro, pronti a battersi e a scodinzolare per il loro severo padrone washingtoniano. E, invece, in Russia v’è stato un plebiscito per Putin. A decretarlo non è stata solo la proposta, approvata, che permetterà a Putin di essere ancora eletto, grazie al nuovo ordinamento costituzionale.

Accanto a ciò, sono risultate con tutta evidenza gradite riforme come l’aumento periodico delle pensioni in base alla crescita dell’inflazione e la garanzia di un salario minimo in linea con il costo medio della vita. Insomma, mentre la UE e gli USA celebrano il liberismo, ossia il cannibalismo, la Russia si dirige verso un keynesismo che pare sorprendente, se contestualizzato nel quadro del nuovo ordine mondiale mercatista e privatizzatore. Non stupisce che i guerriglieri dell’arcobaleno e le brigate fucsia, sempre fedelmente al servigio del padronato no border targato USA, siano furenti: per loro, la libertà è il mondo senza frontiere e senza Stati nazionali, cioè colonizzato senza riserve dalla monarchia dell’hamburger e dalla potenza senz’anima di Washington.

Potenza che si era quasi illusa che, con avatar senza spirito come Gorbaciov e Eltsin, la missione fosse compiuta: e che la Russia fosse ormai conquistata. E invece no. Ci sta pensando Putin a risollevare la Russia, facendo di essa l’equivalente di ciò che era prima del 1989: una potenza mondiale, sovrana e autonoma, indisponibile a essere colonia di Washington e, di più, pronta a porsi come baluardo di tutti i governi non allineati con il nichilismo e con l’imperialismo della mondializzazione mercatista.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

 

IMG 20180131 WA0000
 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    putinputin rederendumputin anniputin italiafusarodiego fusaro
    Loading...
    in evidenza
    Ecco i “pericolosi estremisti” Una bimba che difende suo papà

    Coronavirus

    Ecco i “pericolosi estremisti”
    Una bimba che difende suo papà

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: piogge al Sud, weekend 'estivo' ad Halloween in tutta Italia

    Previsioni meteo: piogge al Sud, weekend 'estivo' ad Halloween in tutta Italia


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Opel Crossland è ora ordinabile in Italia

    Nuovo Opel Crossland è ora ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.