I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Caso Di Maio, quando un ministro deve lasciare l’incarico?

La vicenda che sta coinvolgendo il ministro del Lavoro Luigi Di Maio ripropone il tema dell’opportunità, del senso del limite, delle proporzioni per cui un politico in casi come questi debba dimettersi.

La premessa è che nell’impresa del padre Antonio, dove anche il vice-premier fu assunto, ci sarebbero stati pagamenti in nero – e dal ministero di via Vittorio Veneto dipendono gli ispettori che verificano il rispetto delle leggi sul lavoro appunto – e su un terreno, sempre di proprietà del padre, sono in corso accertamenti per verificare se ci siano abusi edilizi.

Sembra essere il tipico caso in cui non è tutto bianco o tutto nero, in cui ciascuno può farsi una sua opinione poiché non è stata ad oggi riscontrata una responsabilità di Luigi Di Maio. 

Questi di seguito potrebbero essere alcuni elementi da considerare nel farsi una convinzione.

1 - La proprietà della società dove risulterebbero pagamenti in nero è stata ceduta al leader penstastellato e alla sorella al 50% nel 2014 (fonte: Corriere della Sera), un anno dopo che l’attuale vice-premier fu eletto in Parlamento nel marzo 2013.

2 - Appartenere a una famiglia in cui un esponente commetta un reato non significa che gli altri membri  facciano lo stesso (per fare un esempio, il fratello di un rapinatore non è detto che lo sia anch’egli).

3 - Maria Elena Boschi, ministra delle Riforme e dei rapporti col Parlamento del Governo Renzi, fu oggetto di attacchi politici molto forti da parte del M5S per via del caso che coinvolse il papà della Boschi, vicepresidente di Banca Etruria, uno degli istituti di credito scampati al crack grazie al decreto salva-banche del febbraio 2017.

4 - I 5 Stelle in tema di giustizia sostengono a ogni piè sospinto: “Chi sbaglia deve andare in galera!”.

5 - Si guardi all’estero: il ministro della Cultura svedese  Cecilia Stegö Chilò  si dimise nel 2006 per non aver pagato il canone tv e la colf in nero; quello tedesco dell’Istruzione Annette Schavan nel 2013 per aver copiato la tesi di dottorato; quello britannico dell’Immigrazione Mark Harper nel 2014 per avere retribuito in nero e impiegato come colf una immigrata non registrata.

Commenti
    Tags:
    luigi di maioantonio di maiomaria elena boschi
    in evidenza
    Tatangelo, bikini fa girare la testa Britney Spears senza il reggiseno

    E Ilary Blasi... FOTO DELLE VIP

    Tatangelo, bikini fa girare la testa
    Britney Spears senza il reggiseno

    i più visti
    in vetrina
    Federica Pellegrini, balletto irresitibile da medaglia d'oro dopo le Olimpiadi

    Federica Pellegrini, balletto irresitibile da medaglia d'oro dopo le Olimpiadi


    casa, immobiliare
    motori
    A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

    A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.