I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Crisi in Venezuela, una brutta pagina della nostra democrazia

Negli anni 50 il Venezuela, che “galleggia” sul petrolio, aveva il Pil pro capite più alto del mondo, dopo Usa, Gran Bretagna e Francia. Oggi l’inflazione si avvicina all’ 1.000.000% , un chilo di carne costa due stipendi e mezzo e il 60% dei venezuelani ha perso 11 kg di peso nel 2017. In 50mila quotidianamente fuggono dalla fame verso la Colombia.

La colpa sembra essere del dittatore miope e incapace, l’ex conducente della metro Nicolás Maduro. Questi, già sconfitto alle elezioni legislative, ha via via creato un regime basato su istituzioni farsa in cui i diritti umani sono negati. Con la vergogna degli squadroni paramilitari e il sistema della delazione. Come succede nella storia, quando le dittature affamano ed esasperano il popolo,  arrivano cambiamenti improvvisi, come fu per la caduta del Muro di Berlino e la fine dell’Unione sovietica. Così tutto il mondo occidentale e democratico, dagli Usa - che hanno preconizzato un intervento militare - alla Francia alla Germania, ha salutato l’avvento di Juan Guaidó, autoproclamatosi, promettendo amnistia ed elezioni, presidente del Venezuela.

Intanto che l’onda cresce e i generali e i poliziotti si schierano coi dimostranti, il Governo italiano che fa? Pone il veto all’intesa dell’Unione europea che propone Guaidó quale presidente ad interim. La ragione? Sostanzialmente dei sofismi da vecchia Democrazia Cristiana, espressi sia dai vertici dei 5 Stelle che della Lega: “Decidano i venezuelani, non ci intromettiamo”. Stessa presa di posizione (“Non ci schieriamo”) del gesuita Papa Francesco. Naturalmente contrarie la dittatura comunista cinese e la Russia di Putin (che si può difficilmente definire democrazia a tutto tondo).

Intanto sono 150mila i venezuelani anche con passaporto italiano e  due milioni quelli che hanno almeno un antenato italiano, quasi tutti appartenenti alla classe media, titolari di piccole ditte di import/export e trasporto, fallite o nazionalizzate, il 90% dei quali antichavista. Lo stesso Guaidó ha chiesto l’appoggio di Roma, che l’ha negato coi sofismi sopra citati. Subito ne ha approfittato  Maduro, che ha ringraziato l’ Italia. Pare che la comunità italiana venezuelana abbia scritto al presidente della Repubblica Sergio Matterella, da sempre attento alle vicende dei connazionali (e della cultura italiana) all’estero.

Commenti
    Tags:
    juan guaidóvenezuelanicolas maduro
    in evidenza
    Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

    Tra mobilità e sostenibilità

    Automotive, da ALD la svolta
    Arrivano nuove soluzioni green

    
    in vetrina
    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


    motori
    Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

    Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.