I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Gli Stati generali? Poco congruenti a fase economica e politica del Paese

Gli Stati generali dell’economia convocati dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in programma da  questo sabato a domenica 21 giugno a Villa Pamphily a Roma, sembrano essere una buona idea, ma poco congruente alla realtà politica e a quella economica del Paese.

Il centrodestra, da Matteo Salvini a Giorgia Meloni ad Antonio Tajani, respinge l’invito. “Il Paese – questo sembra il ragionamento – non ha bisogno di passarelle e la sede istituzionale del confronto politico è il Parlamento”.

Il presupposto è che pioveranno sull’Italia 80 miliardi di euro e bisogna decidere come investirli e spenderli. Di qui la convocazione di rappresentanti internazionali e del mondo dell’economia, della finanza e del sindacato. Dovrebbero intervenire in videoconferenza: Kristalina Georgieva, presidente della Banca Mondiale, Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Ue, David Sassoli, presidente del Parlamento europeo. Più o meno confermati, tra gli altri: Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, Vittorio Colao, il manager che ha guidato la squadra di esperti che ha presentato al Governo le proposte per il rilancio dell’economia; i vertici delle maggiori organizzazioni industriali/finanziarie (Enel, EniFincantieri, Leonardo etc.), l’imprenditore Oscar Farinetti, gli architetti Massimiliano Fuksas e Renzo Piano, membri dei sindacati. Incerta Christine Lagarde, presidente della Bce.

Quando nella Prima Repubblica c’era un problema, la prima scelta dei partiti era creare una Commissione (come dire: intanto qualcosa facciamo). Si spera che questi Stati generali abbiano un approccio consulenziale: si concludano cioè con proposte concrete, da mettere in pratica (il consulente risolve i problemi). Da evitare è la logica del convegno di approfondimento. In questo senso l’eterogeneità dei partecipanti e la lunghezza dell’evento inducono qualche dubbio. La velocità (quella che nasce dalla competenza… ci sono anche i mediocri veloci…) è un valore decisionale e professionale. Di fondo è che gli Stati generali hanno senso pieno in presenza di comuni intenti della maggioranza e dell’opposizione (come avvenne per esempio negli anni di piombo, la lotta al terrorismo negli anni 70 e i primi 80). Per quanto riguarda lo scenario di Villa Pamphily, in generale, insegna la disciplina manageriale, e in particolare in un momento di crisi come questo, post emergenza sanitaria, parrebbe meglio l’understatement.

Commenti
    Tags:
    giuseppe contematteo salviniursula von der leyen
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Museo Piaggio, va in scena “Vespizzatevi 75 anni di successi e ripartenze”.

    Al Museo Piaggio, va in scena “Vespizzatevi 75 anni di successi e ripartenze”.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.