I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
La socialdemocrazia inconsapevole italiana di Elly Schlein
Elly Schlein, 37 anni, segretaria del Partito Democratico dal 12 marzo

Più facili per paradosso da conseguire, guardando alla chiarezza programmatica e al suo sistema complessivo di riferimento, gli obiettivi di Giorgia Meloni

La circospezione che la caratterizza, non nello scontro con gli avversari, come nel caso della battaglia dialettica di ieri alla Camera con la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, ma nel programma e all’interno del partito - del resto sfere ben più complesse - potrebbe fare la fortuna politica di Elly Schlein, che per l’effetto-donna/novità alla guida del Pd sta facendo guadagnare consensi al partito del Nazareno e aumentare il numero dei tesserati.

Il programma economico della neosegretaria è, nel senso positivo del termine, prevedibile e, dal suo punto di vista (come si dice… se vuoi capire il poeta, recati nella casa del poeta) impeccabile: dalla progressività fiscale alla lotta al precariato, dal salario minimo al superamento della Legge Fornero, dall’ecologia alla scuola, alla sanità ai diritti delle minoranze, per citare velocemente alcuni punti.

Manca qualsiasi riferimento alla pratica liberale - il che non dovrebbe essere scontato, se non altro per ragioni utilitaristiche  - e di conseguenza la capacità di attrare parte dei ceti imprenditoriali, in particolare del Nord ma non solo – che producono ricchezza, che quindi fanno crescere il Paese e forniscono le risorse per realizzare le riforme -, ossia di sottrarre consensi a Fratelli d’Italia, Lega Nord e Forza Italia.

Potrebbe essere la fortuna della Schlein. Eludere totamente tali questioni, qualora la sua leadership avrà successo e sarà premiata al voto dagli italiani, potrebbe alla lunga tradursi in una sorta di socialdemocrazia italiana inconsapevole, diversa da quella tedesca per intenderci, in cui i temi economici liberali compaiono, non solo surrettiziamente, nei programmi della SPD. (Ed è evidente quanto la consapevolezza sia importante in ogni campo.)

A tutto ciò potrebbe contribuire anche la cautela mostrata dalla Schlein in altri aspetti. Si guardi al discorso di domenica scorsa in occasione della ratifica della sua elezione a segretaria da parte dell’Assemblea. I proclami contro cacicchi e capibastone stridono con la nomina in Direzione di esponenti di vecchia data che poco hanno a che fare col cambiamento e la credibilità.

In un certo senso più facile, mutatis mutandis, è il compito di Giorgia Meloni - che ha un programma alquanto  chiaro e coerente, un partito che la segue e alleati di Governo finora sostanzialmente leali – che deve tuttavia affinare alcune questioni, a partire dal rapporto con Bruxelles, ma in questo caso l’esperienza, la pratica e i riconoscimenti del potere internazionale dovrebbero facilitare… appunto la consapevolezza della premier.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.