I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Pnrr, Governo di Topolino e informazione
Palazzo Chigi, sede del Governo 

Sconsolante il dibattito in vista delle elezioni del 25 settembre

L’Italia e il suo destino sono concretamente e strettamente legati a quello dell’Europa. Di qui al 2026, il Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) prevede oltre 200 miliardi di investimenti e un centinaio di riforme concordate con Bruxelles. Per portare tutto ciò a compimento, il Paese avrebbe potuto avere alla guida del Governo Mario Draghi - fino ad aprile/maggio del 2023, periodo previsto delle elezioni se la legislatura fosse naturalmente finita -, autorevole e competente economista di fama globale, i cui consigli vengono accolti da tutti i leader mondiali - Draghi parla perfettamente inglese -. Di fatto tale prospettiva è stata interrotta – ciascuno si faccia la propria idea per volontà di chi: Silvio Berlusconi, Giuseppe Conte, Matteo Salvini?   

Il dibattito politico in vista delle elezioni del 25 settembre è avvilente. L’impressione è quella del dilettantismo (del resto in democrazia non servono titoli per andare in Parlamento e ogni popolo ha la classe politica che si merita). Il punto è che ci si concentra in modo estenuante sui nomi. Chi sta con chi e chi buggera chi?  Per intenderci: Paperina si coalizza con Pippo se non c’è Zio Paperone. Nonna Papera predilige il colpo a sorpresa e tradisce all’ultimo! Il prossimo Governo? Topolino premier, Paperino all’Interno, Minni agli Esteri, Pluto sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. La sensazione è simile a quanto provato per mesi e mesi con virologi e immunologhi sempre in tv: una mescolanza di ripetitività, superficialità, pigrizia, scelta del tema facile.  Per giunta - altro merito di Draghi-: chi governa un Paese, lavora, non va in televisione tutti i giorni… esistono gli staff di comunicazione e le conferenze stampa per esporre i provvedimenti o far conoscere qualcosa di importante. Joe Biden interviene un giorno sì e uno no a una trasmissione televisiva?

Come diceva Eugenio Scalfari, il giornalista è un professionista dell’informazione. Si spieghino le nuove regole elettorali con cui si andrà a votare. Ci si soffermi maggiormente sui contenuti. Per esempio, siccome esiste il vincolo di bilancio (i soldi che escono dalle casse dello Stato devono rientrare da qualche parte), di fronte a costose promesse elettorali ci si chieda: chi paga?  Chissà, se la stampa avesse chiarito meglio agli italiani il Pnrr, forse il Governo Draghi avrebbe avuto destino diverso.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Affari in Rete

MediaTech

Affari in Rete


in vetrina
Svolta meteo: ecco quando termina il freddo e torna il caldo

Svolta meteo: ecco quando termina il freddo e torna il caldo


motori
Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.