I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Procedura Ue su debito rinviata al 9 luglio. Così l' Italia abbaia alla luna
LaPresse

Niente di definitivo alla riunione di Lussemburgo dell’Eurogruppo. Tuttavia è inutile giraci intorno: la procedura d’infrazione per debito eccessivo contro l’Italia, il cui via libera potrebbe arrivare dall’Ecofin del 9 luglio, dipende dall’articolo 126 del Trattato dell’Unione. E per la revisione dei trattati costitutivi è necessario il consenso di tutti gli Stati membri.

Anche nei prossimi anni, sarà difficile che l’Italia, rappresentata al Governo da Lega e Movimento 5 Stelle, possa trascinare gli Stati deputati a una modifica del Trattato: a seguito delle ultime elezioni europee, che hanno naturalmente - nel senso dell’alleanza “innaturale” di cui parla Silvio Berlusconi -  messo ai margini opposti del Parlamento dell’Unione Lega e 5 Stelle, e dovrebbero portare a una  Commissione con una maggioranza  costituita da popolari, liberali e socialisti.

Arduo che il ministro dell’Economia Giovanni Tria -  che con onore asseconda non passivamente i diktat dei vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini fautori di una politica economica di spesa in deficit -  convincerà - senza indicare cifre, dati e provvedimenti precisi fino al 2020 - Bruxelles e i due Cerberi: Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Ue e commissario per la Stabilità finanziaria (che ha parlato della necessità di “correzioni sostanziali”… parole già sentite prima del commissariamento della Grecia)  e  Pierre Moscovici degli Affari economici.

Di qui al 9 luglio ci sono più di tre settimane. Intanto sembra utile sapere che le conseguenze della eventuale procedura sarebbero gravi: 1 -  multa fino a nove miliardi; 2  - congelamento dei fondi strutturali. L’Italia ne dovrebbe ricevere 73  fino al 2020; 3 - stop ai prestiti concessi dalla Banca europea per gli investimenti (BEI). A ciò si aggiungano il calo della fiducia dei mercati finanziari e l’aumento dei tassi di interesse per ripagare il debito.

Ancor peggio quanto ha dichiarato  il presidente del Consiglio Giuseppe Conte  in un’intervista al Corriere della Sera a inizio settimana. Così il premier evoca lo spettro della perdita della sovranità in campo economico: “Attenzione a sfidare la Commissione europea sulla procedura per debito eccessivo. (…) Se verrà aperta, farà male all’Italia. Non è tanto e solo questione di multa. Ci assoggetterà a controlli e verifiche per anni, con il risultato di compromettere la nostra sovranità in campo economico: una bella eterogenesi dei fini per questo Governo, che è custode dell’interesse nazionale. Senza considerare che potrebbero essere messi a rischio i risparmi degli italiani”.

 

Commenti
    Tags:
    giovanni triavaldis dombrovskispierre moscovici
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes: il futuro è completamente elettrico

    Mercedes: il futuro è completamente elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.