I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il Palazzo delle Meraviglie. Luoghi e genti della società
Referendum Trivelle e cattolici

 

Papa Francesco ha pubblicato, per la prima volta nella storia della Chiesa cattolica, una intera enciclica, la “Laudato sì”, sull’ambiente e sulla sua salvaguardia.Per certi versi si è trattato di un evento storico ed assolutamente rilevante dopo che per anni una certa parte della Chiesa ha fatto molta fatica a riaccostarsi alle tematiche del Creato e della Natura intese e declinate, ad esempio, in senso di un francescanesimo filosofico.

Anche questo è stato un segno dei tempi di cambiamento nel solco conciliare di Giovanni XXIII che Francesco ha portato e con cui sta segnando con impronta indelebile il tragitto della Chiesa di Cristo.

E, a ben pensarci, non poteva essere che così.Infatti l’ambiente, per il cattolico ma per il cristiano in generale, è segno operante della presenza divina.

Questo ci serve però per fare un discorso sui cattolici e la politica.E’ vero che occorre essere laici nelle istituzioni ma in politica?

Come fa ad esempio un ministro dell’Ambiente cattolico praticante come Gianluca Galletti a lodare a esaltare giustamente la “Laudato sì” ai fini della Conferenza Onu di Parigi sul clima e poi disconoscerne di fatto il valore per quanto riguarda invece il referendum sulle trivelle? Non è forse legato proprio il discorso dei cambiamenti climatici con quello di un utilizzo sempre più spinto di quelle energie rinnovabili e di quella Green Economy che sono le prime nemiche dei combustibili fossili inquinanti?

Eppure Galletti ha sorpreso molti, data la sua origine politica, in campo ambientale dando luogo a speranze di cambiamento duraturo di strategia.

Ora invece assistiamo a un inaspettato dietrofront su un tema che fa proprio a impattare la natura stessa del Creato declinato in senso cattolico.Cosa c’è di più violento che rubare i tesori della Natura nascosti nelle sue viscere. E come può, il cattolico Primo Ministro Renzi, avversare la salvaguardia del Creato? E come lo può fare anche un altro cattolico praticante come Romano Prodi?

Anche la Cei, cioè i vescovi italiani e Monsignor Galantino in particolare si sono espressi per portare attenzione al referendum e a non considerarlo come un fatto secondario.Sabato prossimo a San Pietro ottanta diocesi e i rispettivi vescovi pregheranno e digiuneranno per dire di votare “sì”, contro le trivelle, al referendum del 17 aprile.

Un segno importante da cogliere per ogni cristiano e laico.

Tags:
referendum;cattolici;papa francesco
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.