A- A+
Palazzi & Potere
Pandemia: lo sguardo della Madonna sul nostro futuro

Per la fine del mese Mariano, Claudio Strinati racconta sul web il famoso dipinto “La Madonna col Bambino”, seconda puntata dei “Dieci Capolavori in cinque secoli’’ della Fondazione Sorgente Group. 

 

Oggi, 31 maggio, Papa Francesco concluderà il mese di preghiera per invocare la fine della pandemia e la ripresa delle attività lavorative e sociali, recitando nel pomeriggio il Rosario nei Giardini Vaticani. E così la Fondazione Sorgente Group presenta al pubblico il dipinto Madonna con il Bambino, San Giovannino e Angeli della metà del XVI secolo, nella seconda puntata della serie web “Dieci capolavori della Fondazione Sorgente Group in cinque secoli”. Valter Mainetti, presidente della Fondazione, ha scelto quest’opera realizzata da Michele Tosini, detto Michele di Ridolfo del Ghirlandaio, proprio per la scena rappresentata, di profonda sacralità, dove la Madonna diviene simbolo di una maternità dolce, soffusa e insieme solenne.

Lo sguardo di Maria è immerso in un pensiero profondo, che sembra superare i confini dello spazio e del tempo. La Vergine, seduta sotto un baldacchino, tema tipico della pittura fiorentina, è circondata da Gesù, San Giovannino e gli Angeli, che quasi l’avvolgono come a proteggerla in uno spazio apparentemente ristretto. Il drappo è sostenuto da un angelo a sinistra, altri due sono a destra, mentre seduto in grembo vi è Gesù, intanto San Giovannino, tenendole il braccio destro, protende il volto. Avviene, così, una corrispondenza di sguardi reciproci e la gestualità della Madonna si apre all’accoglienza in una più ampia coralità. Qui è rappresentata la Madre, a cui l’umanità chiede protezione, nella ricerca di un abbraccio materno che sempre è concesso. Come nelle preghiere che si rivolgono alla Madonna di Fatima, e quelle composte dallo stesso Papa Francesco, il suo sguardo materno non è rivolto solo a Gesù, ma a tutti coloro che le chiedono aiuto, “Volgi a noi i tuoi occhi misericordiosi”,

Claudio Strinati racconta il dipinto Madonna con il Bambino, San Giovannino e Angeli di Michele Tosini, nella seconda puntata della serie web “Dieci capolavori della Fondazione Sorgente Group in cinque secoli”, con il titolo “La Madre dell’Amore”. Ci spiega il nome del pittore, Michele Tosini, artista del XVI secolo, che decise di farsi chiamare anche con il nome del suo grande maestro, Michele di Ridolfo del Ghirlandaio, uno dei più grandi artisti dei primi anni del Cinquecento, grande amico e coetaneo di Raffaello Sanzio, da cui prese grande ispirazione. L’opera è un’importante testimonianza della scuola fiorentina, che nel riprendere l’iconografia del dipinto su tavola perduto di Andrea del Sarto, descritto da Vasari, intitolato “Madonna Corsini”, fa emergere lo spirito innovatore della nuova società. Infatti, nella prima metà del Cinquecento a Firenze, dopo la predicazione di Girolamo Savonarola, che aveva duramente affermato la laicità delle arti, ritorna una produzione artistica religiosa carica di affetti e di sensibilità interiore.

La seconda puntata della serie web “Dieci capolavori della Fondazione Sorgente Group in cinque secoli”, con il titolo “La Madre dell’Amore”, con regia e musica originale di Federico Strinati, è visibile sul link: Dieci capolavori in cinque secoli - "La Madre dell'Amore" - YouTube: https://youtu.be/j8Tzhn--cdM

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    pandemiamadonnaghirlandaiomainettivalter mainettifondazione sorgente groupclaudio strinatipapa francesco
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.