I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Sportivi si nasce e poi si diventa
Le speranze italiane nel 2016 si affidano al nuoto, non certo al calcio

Da una parte il medagliere dei Mondiali  di nuoto di Kazan (Russia) appesantito con 14 ori e la miglior prestazione di sempre nella competizione, dall’altra una nazionale che contro la strapotenza calcistica di Malta sa vincere solo “di mano”. Da una parte un Dream Team di atleti affamati e pronti a guadagnarsi ancora le fugaci attenzioni degli italiani, dall’altra una squadra coralmente non eccellente e individualmente leggera, per non dire inadeguata. A pochi giorni dai sorteggi degli europei 2016 di Francia, quando David Trezeguet ha sentenziato per Antonio Conte un girone in cui non basterà affidarsi al solito (presunto) carattere nostrano, le parole di Gregorio Paltrinieri – premiato come “Uomo dell’anno” ai Gazzetta Sports Awards ieri sera al Metropol di Milano – ricordano dove debbano confluire le speranze sportive del Bel Paese per l’incipiente annata: meglio guardare nelle piscine delle Olimpiadi di Rio, diffidando dei campi di calcio Transalpini.

Per me il 2015 è stato straordinario, ma l'anno fondamentale sarà quello che sta per iniziare – ha affermato il campione dei 1500 stile libero - sarebbe una grande Olimpiade solo con l'oro”. E se a fianco del 21enne di Carpi, che da poco s’è preso il record del mondo agli Europei di Israele, si accostano nomi ormai indiscussi come Federica Pellegrini, Tania Cagnotto, Simone Ruffini, Marco Orsi o Filippo Magnini, dovrebbe riuscir facile accantonare la vanagloria calcistica aggrovigliata al tessuto sportivo italico, e concedere, finalmente, il giusto spazio – in questo caso un primato – ad una disciplina per cui il pallone non è previsto, e gli ultras non sono richiesti.  L’Italia del nuoto, l’Italia del tennis, l’Italia del basket, l’Italia dell’atletica - che compete, lotta, suda e vince, ma dell’interesse mediatico sembra non essere mai abbastanza all’altezza -, non solo s’è svegliata, ma possiede i mezzi per farsi grande: e questa, in un Paese in cui si “chiacchiera” e si scrive di calcio dal lunedì alla domenica, deve considerarsi senza dubbio una conquista dissacratoria e necessaria.

Se i ragazzi di Antonio Conte aggirino o meno l’ostacolo del gruppo E (già ribattezzato “di ferro”), superando la Svezia di Ibrahimovic e i Diavoli Rossi del Belgio, forse, non avrà nemmeno rilevanza. Detto che la Nazionale non è certo la favorita per il titolo europeo e la strada verso le fasi calde del torneo si presenta rovinosamente in salita, l’anno che si chiude ha dato un segnale forte e viscerale: attualmente le stelle dello sport italiano hanno molta dimestichezza in acqua e poca con la palla in mezzo ai piedi. E anche chi gioca sui parquet o impugna una racchetta non sembra caversela affatto male.

I prossimi 365 giorni potrebbero definitivamente insegnare che uno stuolo di medaglie ha lo stesso sapore di una coppa, e che, nonostante la storia e malgrado la passione ancestrale, non si vive di solo calcio.

 

Commenti
    Tags:
    nuotopaltrinierinazionale italiana
    in evidenza
    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    Costume

    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

    La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.