A- A+
Coronavirus
Coprifuoco, scontro Stato-regioni: i governatori chiedono il posticipo alle 23
Il capogruppo leghista alla Camera Massimiliano Fedriga dichiara 100mila euro

Da lunedì 26 aprile entra ufficialmente in vigore un nuovo decreto anti-Covid che prevede il mantenimento del coprifuoco dalle 22 di sera alle 5 del mattino. Ma tra i governatori di regione e l'esecutivo guidato da Mario Draghi c'è ancora molta distanza.

In un intervento rilasciato ai microfoni di Radio Capital  Massimiliano Fedriga, presidente del Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni, ha dichiarato: "Sul coprifuoco c'e' un'interlocuzione con il governo. La Conferenza delle Regioni propone una misura assolutamente responsabile, l'ampliamento di un'ora, fino alle 23, per permettere alle attivita', nei limiti delle regole, di avere un minimo di respiro".  Sulla riapertura dei ristoranti al chiuso, il presidente del Friuli ha ribadito: "Aprire dal primo giugno è la nostra proposta, dopodiche' non decidono le Regioni ma il Governo. Stiamo cercando di porci in modo costruttivo". Parlando di riaperture, Fedriga ha ricordato che, secondo la bozza del decreto legge, dalla prossima settimana nelle zone gialle saranno aperti la sera solo i ristoranti all'aperto: "e' una forte limitazione, che spero nelle prossime settimane possa essere superata". La Conferenza ha gia' presentato "le linee guida per la ristorazione all'interno con regole molto rigide".

Sulla questione anche Maria Stella Gelmini, ministro per gli Affari regionali, ai microfoni di Rtl 102.5 ha affermato: "Il coprifuoco evoca brutte cose e non vediamo l'ora tutti noi di allungare l'orario e di poterlo poi abolire, ma tutto si tiene in una gradualità e in una progressività. Noi abbiamo proposto alle 22 perché abbiamo ascoltato il Cts e perché questo ritorno a regole normali deve essere graduale per evitare impennate del virus". 

"E' chiaro - ha aggiunto Gelmini- che da parte del Governo c'è fiducia che i comportamenti corretti delle persone ci porteranno a passare gradualmente dalle 22 alle 23 e alle 24 per poi togliere del tutto il coprifuoco. Quando? Credo che ci debba essere una gradualità, su questo non c'è il partito delle aperture e il partito delle chiusure, dobbiamo essere tutti insieme contro il virus. Non c'è un pezzo di politica contro l'altro, c'è un mondo intero in lotta contro il Covid. Siccome il Covid c'è, rimane e circola, dobbiamo fare grandissima attenzione. Poi queste scelte non competono a me ma al Consiglio dei ministri e ci confronteremo, ma c'è volontà di allentare le misure gradualmente senza permettere al virus di ripartire". 

 

Commenti
    Tags:
    covid coprifuoco stato regionicovid regione statocovid stato regioni coprifuoco
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.