A- A+
Coronavirus
Obbligo Green Pass, regole poco chiare: rischiano multe anche rider e tassisti

Obbligo Green Pass, rischiano multe anche smartworker e autonomi

Il Coronavirus in Italia continua a far paura, per questo il governo da domani farà scattare l'obbligo del Green Pass in tutti i luoghi di lavoro. Ma sulle regole da seguire - si legge sul Corriere della Sera - ci sono ancora diversi dubbi, non sono chiare la gestione di chi lavora da casa e le linee guida per gli autonomi. "Anche chi fa lavoro agile in smart working, deve essere controllato. Si può fare attraverso la condivisione a distanza del green pass", dicono in Assolombarda, la prima territoriale di Confindustria. «Secondo la nostra interpretazione il green pass può essere controllato solo all’ingresso di una sede aziendale, non a chi lavora da casa», valuta invece Mariano Corso, alla guida dell’Osservatorio sullo smart working del Politecnico di Milano. Su una cosa invece sono tutti d’accordo: chi dovrebbe lavorare nella sede aziendale e si dichiara senza green pass non può concordare con l’azienda la via d’uscita dello smart working.

L'altro problema - prosegue il Corriere - riguarda i lavoratori autonomi che sono «capi di se stessi» sono sì tenuti ad avere il green pass ma con loro di fatto bisognerà andare sulla fiducia: un tassista o un rider per quanto riguarda il green pass è controllore di se stesso. Come anche il proprietario di un piccolo negozio che è solo dietro il bancone. E nemmeno i clienti possono pretendere l’esibizione del certificato. «Il lavoratore autonomo o l’imprenditore individuale da domani avrà l’obbligo di detenere il green pass — dice l’avvocato giuslavorista milanese Cesare Pozzoli —, certo, se l’attività non è svolta al pubblico è più difficile che possano verificarsi controlli».

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirusemergenza coronavirusgreen pass autonomigreen pass lavoratorigreen pass smart workinggreen pass tassistilinee guida green passobbligo green passregole green pass
    i più visti

    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.