A- A+
Coronavirus
Onu: pandemia scusa per ridurre libertà, dissenso, informazione e diritti
Per l’Onu la pandemia ha ridotto i diritti delle donne

I progressi in materia di parità di genere sono stati ritardati di decenni, scrive l’Onu. "La violenza contro donne e ragazze in tutte le forme è aumentata alle stelle, dagli abusi online alla violenza domestica, alla tratta, allo sfruttamento sessuale e ai matrimoni precoci", ha spiegato Guterres. L'opera degli sfruttatori è facilitata dalla politiche dei governi.

Anche l'impatto sull'istruzione è stato "catastrofico", con la chiusura delle scuole che ha colpito circa 1,6 miliardi di bambini. È probabile che le ragazze in particolare abbandonino gli studi, rendendosi più vulnerabili e inclini al matrimonio precoce, alla gravidanza precoce e alla violenza domestica.

La povertà estrema sta aumentando per la prima volta da decenni. I giovani non vanno a scuola e spesso hanno un accesso limitato alla tecnologia.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    onuonu pandemiaonu meno democraziaonu meno libertàonu pandemia dissensoonu pandemia tracciamento
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

    Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.