A- A+
Coronavirus
Zona Rossa, Speranza aveva firmato ma Conte no. Ecco il documento decisivo

Covid, Speranza non è indagato per "mancata zona rossa"

Emergono nuovi retroscena sulla clamorosa inchiesta della Procura di Bergamo in merito alla mancata zona rossa di Alzano e Nembro relativa all'inizio della pandemia Covid. Il provvedimento che i bergamaschi (e gli italiani) aspettavano - si legge sul Corriere della Sera - era già stato scritto. Ma restò chiuso in un cassetto. A trovarlo furono gli investigatori della Procura di Bergamo, il 14 gennaio del 2021, durante un'operazione di acquisizioni e perquisizioni al Ministero della Salute e all’Iss nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione della pandemia. Al Ministero c’era una bozza di decreto, dentro una cartellina che rimandava al 4 marzo 2020, in cui si indicava che i comuni di Alzano Lombardo e Nembro dovevano essere aggiunti all’elenco degli 11 paesi (10 nel Lodigiano più Vo’ Euganeo) dove c’era già la zona rossa.

Mancava però qualcosa, che in quella visita a Roma del gennaio del 2021 colpì subito gli investigatori: in fondo alla bozza di provvedimento - prosegue il Corriere - c’era la firma del ministro della Salute Roberto Speranza, non quella del premier Giuseppe Conte. Un campo vuoto, il sunto di cosa accadde in quei giorni: il governo era spaccato sul tema, il ministro aveva deciso di seguire senza se e senza ma le indicazioni del Comitato tecnico scientifico del 3 marzo, che suggerivano di chiudere i due paesi. Il presidente del Consiglio, invece, prendeva tempo e l’avrebbe fatto fino alla decisione della notte tra il 6 e il 7 marzo: niente zona rossa specifica per Nembro e Alzano ma divieti allargati alla Lombardia. Per questo Conte risulta indagato per la mancata zona rossa, Speranza no. Al ministro viene addebitata la mancata applicazione del Piano pandemico.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
inchiesta covid





in evidenza
Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

Carlo Conti a Sanremo

Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.