A- A+
Costume
1 giugno, festa internazionale dei genitori: il nuovo ruolo dei papà

Il Primo Giugno è la festa mondiale dei genitori, una festa istituita dall’Onu per ricordare che i genitori sono i primi, veri ed insostituibili educatori dei bambini.

Nelle famiglie odierne si sono modificati  i compiti evolutivi ed i ruoli rispetto al passato.  A partire dalla figura del papà.

Il ruolo dei papà si è notevolmente modificato nel corso della storia. L’ultimo cambiamento è quello che riguarda il passaggio da famiglia patriarcale a famiglia nucleare e alle nuove configurazioni ancora più recenti (famiglia omoparentale, famiglia ricostituita, famiglia di fatto…).

Nella famiglia patriarcale il ruolo del papà era primariamente istituzionale: da lui dipendeva l’intera organizzazione della vita familiare, la gestione della casa e la regolazione disciplinare e della giustizia nella famiglia estesa. Nel passaggio a famiglia nucleare, caratterizzata da una coppia adulta coniugata con propri figli non ancora indipendenti,  le relazioni affettive sono più calde sia fra marito e moglie, che nei riguardi dei figli, che in verità sono sempre in numero minore.

Questa rivoluzione familiare ha portato a diverse conseguenze: minor influenza e controllo da parte della famiglia sulla scelta del coniuge, che diventa funzionale per la vita del singolo, un rapporto genitori-figli molto più stretto, con conseguente assunzione da parte esclusiva dei genitori del compito di socializzazione primaria e di accudimento (cosa che prima era effettuato dal contesto più allargato delle donne).

“In questo contesto- spiega la dottoressa Silvia Riboldi Psicologa Psicoterapeuta Vicepresidente di Salvagente, Consulente Mustela azienda leader nelle linee di prodotto per la cura e l'igiene della pelle dei neonati -  il padre condivide l’autorità e la responsabilità dei compiti educativi-genitoriali con la madre, nonostante sia ancora presente il rischio di essere poco presente in famiglia a causa degli impegni lavorativi. Il rapporto emotivo privilegiato fra i membri della famiglia nucleare, porta spesso i suoi membri a sperimentare la necessità di difenderla da una possibile invasione di soggetti esterni, che ha come risultato un maggiore isolamento del nucleo rispetto al passato”.

Il “nuovo” papà è molto più coinvolto nell’accudimento e sta molto più a contatto anche a livello corporale con i figli: non è raro che ci siano momenti di coccole ed accudimento da parte dei papà anche sui neonati. “Il maggior coinvolgimento ha come conseguenza l’allontanamento dallo stereotipo virile di padre- prosegue la dottoressa Riboldi-  e l’accettazione di sentimenti prima identificati come adeguati solo alle donne: tenerezza, commozione, senso del possesso e vicinanza con la prole. Altro cambiamento è la suddivisione delle responsabilità lavorative con la madre: nella maggior parte delle coppie attualmente entrambi i genitori sono occupati e svolgono un’attività lavorativa”.

Le figure di padre e madre sono quindi molto più simili rispetto al passato, senza che però all’uomo sia poi riconosciuto un ruolo speciale all’interno della vita familiare e con una conseguente maggior fatica nell’individuazione di compiti e caratteristiche specifiche di tale figura. Il cambiamento della figura del padre impone quindi una riflessione sulle ricadute di questa modificazione sulla famiglia e sul contesto di crescita dei bambini. Se da un lato il coinvolgimento più precoce del papà consente una maggior divisione dei compiti e la condivisione profonda di un “progetto” e di valori all’interno della coppia, dall’altro espone ad una faticosa ricerca identitaria dei genitori, ed in particolare dei padri, all’interno dell’esperienza di famiglia.

“Dal punto di vista dell’accudimento e della condivisione della responsabilità- aggiunge Silvia Riboldi-  l’avere in comune all’interno della coppia tale aspetto ha molte conseguenze: - un maggior partecipazione dei pari nella vita e nella cura dei figli, maggior presenza dei padri nella vita quotidiana dei figli con investimento nella relazione e nell’accudimento con conseguente aumento degli aspetti di protezione.

Nelle famiglie moderne si va sempre più delineando la necessità di presenza di due codici: materno e paterno. Nel primo anno di vita e in generale nella prima infanzia il ruolo preponderante è quello del codice materno che nutre, si prende cura e protegge.

Il padre moderno riesce più di prima a prendere parte anche in questo tempo ed in questi compiti, tuttavia senza che sia investito di un ruolo definito e riconosciuto dall’esterno, questo può generare delle crisi e delle fatiche nell’assunzione della nuova identità e nel mantenere quella di partner all’interno della coppia. Durante la crescita è il codice paterno che deve poi prendere spazio al fine di promuovere l’indipendenza progressiva da parte del bambino. Sempre più di frequente i codici non coincidono con il maschile e il femminile biologico, ma entrambi i genitori rivestono, con sfumature diverse, entrambi i ruoli. Anche in questo caso è stato più nettamente ridefinito per le donne (cambiamenti sociali e culturali, ridefinizione dell’identità) piuttosto che per gli uomini che si ritrovano a doversi reinventare l’identità di padre più a livello individuale che per un cambiamento sociale riconosciuto.

Una delle fatiche può essere quella di porsi più come amici dei propri figli che come figura genitoriale, che ponga argini e sia normativa, con un iniziale minor fatica nella gestione della relazione, che si traduce però, avvicinandosi all’adolescenza, in una mancanza di figure di riferimento e di modello con cui scontrarsi e confrontarsi nell’importante compito di creazione di un’identità individuale.

“La nuova famiglia-conclude la dottoressa Riboldi- deve quindi confrontarsi con alcuni compiti:

MANTENERE LA COESIONE: decidere regole e strategie educative insieme; parlarsi, condividere ed essere uniti o almeno mostrarsi tali. È fondamentale che le madri consentano ai papà di avere un ruolo in tal senso, consentendogli di conoscere il bambino e sperimentarsi nel nuovo ruolo.

IMPOSTARE REGOLE: veicolare il messaggio che le regole sono binari entro i quali è possibile muoversi e non solo impedimenti. Soprattutto durante la preadolescenza e l’adolescenza il coinvolgimento del padre deve essere sempre maggiore e più evidente; “ne parlo con tuo padre”/”ne parlo con tua madre” non come nel passato per minaccia ma come dimostrazione di una coesione profonda dei genitori.

CONSENTIRE LA SPERIMENTAZIONE STANDO VICINO AI PROPRI FIGLI: accompagnare il bambino nelle scoperte e nell’esplorazione delle nuove abilità, stando accanto promuovendo l’indipendenza, ma al tempo stesso supportando e garantendo aiuto nelle difficoltà".

 

 

Commenti
    Tags:
    genitpripapàmammafamigliabambino





    in evidenza
    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    La coppia più famosa del giornalismo

    Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    motori
    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.