A- A+
Costume
Bufala Fest mette in mostra a Napoli la propria filiera che supera il miliardo

Non solo la mozzarella in passerella. Ma anche il meglio della produzione casearia italiana e i prodotti di qualità della filiera bufalina. E’ con questi intenti che dal 15 al 19 settembre, sul Lungomare Caracciolo di Napoli, si terrà la terza edizione di Bufala Fest, la rassegna che mette in mostra tutto ciò che la filiera bufalina regala ai ghiottoni di tutto il mondo. Sessantaquattro stand su 2mila metri quadrati, 42 dedicati al food: latte, mozzarella, carne di bufalo, gelati, dolci, le ultime novità in campo di alta cosmesi. E soprattutto un vero e proprio omaggio al bufalo, un animale mediterraneo, forte e resistente alle malattie, con l’intento di valorizzare e difendere la quello che è considerato l’oro bianco Dop della Campania, un formaggio che registra un valore economico e gastronomico di quasi 400 milioni di euro e un giro d’affari dell’intera filiera che supera il miliardo. Non poco per il mercato industriale caseario localizzato in Campania, Basso Lazio, Capitanata in Puglia e Venafro in Molise e per un prodotto che, come rileva una recente indagine di Coldiretti/Ixé, è uno dei souvenir più ricercati dai turisti. “Sull'onda del successo delle prime due edizioni, culminate con le oltre 150 mila presenze dello scorso anno -afferma l’organizzatore della manifestazione, Antonio Rea- quest'anno Bufala Fest si pone l’obiettivo di consolidare i risultati ottenuti per la valorizzazione della filiera bufalina. Anche il format è stato rivisitato, realizzato con le più prestigiose associazioni italiane: tra le novità della terza edizione spiccano i concorsi e le attività dedicate ai professionisti ed agli amanti della cucina di qualità. Ed ancora, i menù dedicati al Bufala Fest: ciascuna azienda presente proporrà piatti esclusivi realizzati in occasione della manifestazione”. Il bufalo è un animale che da sempre affianca l’uomo nel lavoro agricolo in ambienti impari e in difficili condizioni. Anche lavorare il latte è un’arte che viene da lontano, figlia di un’antichissima tradizione. Una tradizione che si alimenta con il costante recupero della memoria. Ricordi ed esperienze tramandate dalle persone più anziane alle nuove generazioni. Per questo l’arte casearia è un vero e proprio patrimonio di saperi antichi in grado di trasformare il latte in prodotti di qualità. Il successo è nei numeri. Nel 2016 quasi una mozzarella di bufala Campana Dop su tre è finita sulle tavole all’estero, la produzione è cresciuta del 7,2% per un totale di 44,3 milioni di chili, 15mila gli addetti di cui il 34% composto da giovani e con oltre un addetto su tre donna, in crescita è anche la vendita di carne di bufala, povera di colesterolo. Un successo reso possibile grazie al lavoro di circa 1400 allevamenti impegnati quotidianamente a produrre latte nel rispetto delle regole del disciplinare di produzione.

Eduardo Cagnazzi

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bufala festbufala fest napolinapoli bufala fest
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari

CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari


casa, immobiliare
motori
Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.