A- A+
Costume
Dolce&Gabbana diventa fur-free: addio alle pellicce animali dal 2022
Sfilata Dolce Gabbana

Dolce&Gabbana dice no alle pellicce, il brand siculo diventa fur-free al fianco di Armani, Gucci, Prada e altri contro la crudeltà

Anche Dolce&Gabbana dice stop alle pellicce ricavate da animali appositamente allevati o catturati in natura. La nuova policy fur-free dell’azienda è allineata alle Linee guida della Fur Free Alliance (network internazionale con oltre 50 ong nel mondo): stop a pellicce ricavate da animali appositamente allevati o catturati in natura.

Dolce&Gabbana sta lavorando per un futuro più sostenibile che non può contemplare l'uso della pelliccia animale - commenta Fedele Usai, Group Communication&Marketing Officer di Dolce&Gabbana - L'intero sistema moda ha un importante ruolo di responsabilità sociale che deve essere promosso e incoraggiato: integreremo materiali innovativi nelle nostre collezioni e svilupperemo processi produttivi rispettosi dell'ambiente, preservando al tempo stesso il lavoro e il know-how degli artigiani".

Dolce&Gabbana si unisce a un elenco crescente di marchi che si sono impegnati a bandire le pellicce di animali dalle loro collezioni, inclusi i marchi italiani Armani, Gucci, Prada e, proprio nei giornis corsi, anche Moncler, così come già dal 2016 il leader globale nella moda di lusso online Yoox Net-a-Porter.

D&G, il plauso dalle associazioni Fur-free

Le associazioni impegnate sul tema celebrano il marchio. “Celebriamo Dolce&Gabbana per aver terminato ogni associazione con la crudeltà delle pellicce e per essere passata a materiali più umani e innovativi - dice Joh Vinding, presidente della Fur Free Alliance - Il mondo sta cambiando e marchi come Dolce&Gabbana si stanno giustamente adattando a un consumatore in evoluzione, che vuole che le aziende prendano posizione contro la crudeltà verso gli animali e innovino per un futuro più sostenibile".

Per Simone Pavesi, responsabile Lav Area Moda Animal Free, "il futuro della moda sostenibile, etica, bella a prescindere che sia di lusso o meno, è senza materiali di origine animale. La pelliccia ormai appartiene al passato e agli anni più bui di una Industria, quella dell’abbigliamento, che non teneva conto del ruolo attivo di attori sociali delle aziende della moda e che, in quanto tali, non possono fare a meno di fare rientrare nei propri modelli di business i valori di rispetto per gli animali sempre più radicati nella società”.

Da quest’anno, grazie a un emendamento proposto dalla Lav alla legge di Bilancio 2022 e fatto proprio dal Governo nel maxi-emendamento presentato al Parlamento, l'Italia ha messo al bando gli allevamenti di animali destinati alla produzione di pellicce.

 

LEGGI ANCHE:

Havas Media, Dolce&Gabbana si affida a Bollorè per la comunicazione

Dolce & Gabbana punta sugli emergenti: partnership con la coreana Miss Sohee

Monica Bellucci una Stella nel cielo del Torino Film Festival 2021

 

Commenti
    Tags:
    dolce & gabbanapellicce





    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    motori
    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.