A- A+
Costume
Le donne amano gli eroi negativi. Ecco perché

Renato Vallanzasca, Pietro Maso, Michele Misseri, Salvatore Parolisi. Uomini che sono stati accusati di reati gravissimi, ma che in carcere hanno ricevuto decine, centinaia di lettere di ammirazione da donne che nemmeno li conoscevano.

L'ultimo in ordine di tempo è Dzhokhar Tsarnaev, l'attentatore di Boston, è il nuovo idolo delle teenager americane. Il ragazzo ceceno è adorato dalle ragazzine come Justin Bieber o del cantante degli One Direction Harry Styles. Non solo, le adolescenti hanno inviato migliaia di post su Facebook e Twitte, nuova forma di comunicazione che ha sostituito le classiche lettere cartacee.

Affaritaliani.it ha chiesto il perché del successo di questi eroi negativi  alla psicologa e mediatrice Maria Martello (www.istitutodeva.it), autrice anche del libro "Sanare i conflitti" (Guerini Editore). "C'è molta rabbia nelle persone, soprattutto nelle donne, che trova una forma di liberazione  risposta in questo immaginario soddisfacimento della violenza. Un vissuto represso che trova compensazione in questi personaggi".

Detto in parole esplicite, è come se le donne pensassero: "Lui sì che ce l'ha fatta, vorrei uccidere anche io, ma non ce la faccio a trasgredire". Eroi negativi che non si fanno fermare dai condizionamenti morali. Anzi, le istanze peggiori vengono liberate, le più violente, le più primitive. E questo piace. "Oggi più aggrediamo l'altro, più siamo prepotenti e arroganti più ci crediamo vincenti. Le donne si sentono vittime della paura e ammirano l'uomo che invece riesce a fare paura agli altri.Ma questa è una risposta involutiva".

Si tratta comunque di segni di immaturità affettiva e mancanza di equilibrio relazionale. "Si insegue ciò che è impossibile avere piuttosto che confrontarsi con un essere reale, ci si rifugia nel mito. Una relazione unilaterale che è una sorta di masturbazione mentale".

Ci sono poi anche altre possibili interpretazioni. Come la classica sindrome della crocerossina: "Io ti salverò dal male. Oppure l'atteggiamento materno della mamma verso il figlio, che viene ritenuto 'bravo' contro ogni evidenza. Si tratta di due sfumature diverse, comunque, dello stesso atteggiamento di base: salvifico nel primo caso, protettivo nel secondo". 

Perché questo fenomeno è praticamente solo al femminile? "Perché le donne hanno una carica affettiva più forte, l'attegiamento oblativo è più tipico del femminile. Ma è una forma di solidarietà malata".

Maria Carla Rota

Tags:
donnekillerassassiniamare
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.