A- A+
Costume
Equi - libristi, l'associazione che recupera i libri destinati al macero

A Bologna, i libri usati e dimenticati che nelle peggiori delle ipotesi finiscono nella spazzatura o peggio ancora sono usati come strumento di incendio per camini e stufe, tornano ad avere la loro principale funzione: essere fonte di divulgazione. Questo è l'obiettivo di Equi-libristi, un associazione nata a Bologna circa dieci anni fa con il supporto della fondazione del Monte. Gli equi-libristi, filantropi del sapere, ridistribuiscono attraverso una rete di locali, negozi, bar, ristoranti, ma anche nelle sale d'attesa di studi medici e ospedali che scelgono di mettere un po’ di spazio – una mensola, una libreria – a disposizione di questa iniziativa. “Di solito li portiamo dove le persone devono aspettare – spiega Fabrizio Corazza dell’associazione –: dal dentista, dal medico di base, dalla parrucchiera. Ma abbiamo individuato diversi punti anche sotto i portici bolognesi. Possono essere presi, letti e portati a casa”. È questa la differenza con il bookcrossing: non è necessario riportare un libro in cambio di quello preso. 

L’associazione, spiega il sito http://www.redattoresociale.it, ritira e ridistribuisce gratuitamente e, in genere, effettua il ritiro a domicilio. Al momento è attiva a Bologna e, da un paio d’anni, a Roma. “Romanticamente, diciamo che recuperiamo libri perché la storia che ogni libro racconta vada avanti a essere raccontata. In realtà non ritiriamo solo libri che raccontano storie”, specifica Corazza. L’associazione non ritira enciclopedie, libri di testo scolastici, libri della selezione del Reader’s digest e riviste, libri d’arte di grandi dimensioni, Harmony, Gialli Mondadori, libri di politica e di religione, volumi celebrativi, libri di medicina, dietetica e puericultura. Sì a narrativa di genere, thriller, fantascienza, avventura, fiction e non, libri per ragazzi, fumetti di vario formato. I libri, chiaramente, devono essere puliti e in buono stato. “Non si tratta di una selezione dettata dal gusto personale, ma dal riscontro che abbiamo avuto nei luoghi in cui distribuiamo e dal pubblico che viene a contatto con l’iniziativa. Ma non mancano le eccezioni: “Per esempio, abbiamo appena regalato a una docente dell’Accademia di Belle Arti di Firenze 300 libri d’arte, che consegnerà ai suoi studenti”. Non ci sono limiti, invece, per quello che riguarda la lingua: “Abbiamo recuperato e rimesso in circolo libri in tedesco, inglese, francese”.

L’associazione si rivolge anche alle aziende potenzialmente interessate alla creazione di una biblioteca aziendale: “Noi suggeriamo un luogo frequentato, vicino al distributore di bevande, nella sala mensa o nella cucina messa a disposizione dei collaboratori. Pensiamo a tutto noi in cambio di una donazione: saremo noi a mantenere rifornita la biblioteca”, conferma Corazza.

A oggi Equi-libristi ha un paio di locali dove sono raccolti i libri in attesa di essere ricollocati, ma l’obiettivo è dotarsi una sede fisica vera e propria, dove sistemare i libri in maniera ordinata e catalogata. “Speriamo aumentino anche i numeri delle postazioni: al momento sono circa 25, quest’anno vorremmo arrivare a 30, 35. Poi vorremmo acquisire maggiori strumenti a supporto della raccolta fondi e allargare il numero dei collaboratori per monitorare al meglio le postazioni e mantenerle sempre rifornite”. Nel frattempo l’associazione è già molto attiva sul territorio: è presente al mercato contadino di piazza Aldrovandi e ad altri eventi sul territorio. “Quando avremo una sede fissa ci piacerebbe organizzare reading, laboratori creativi e di lettura ad alta voce e anche corsi di scrittura”. 

Commenti
    Tags:
    librirecuperarelibreriausatolibri usati
    in evidenza
    Malocclusione dentale e abitudini Cos’è, come trattarla e conseguenze

    Trattamento ortodontico

    Malocclusione dentale e abitudini
    Cos’è, come trattarla e conseguenze

    
    in vetrina
    BioNike presenta la nuova linea antietà Cosmeceutical

    BioNike presenta la nuova linea antietà Cosmeceutical

    motori
    Dacia Spring si aggiudica il titolo di auto più Verde del Green NCAP 2022

    Dacia Spring si aggiudica il titolo di auto più Verde del Green NCAP 2022

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.