A- A+
Costume
Galateo, le 26 #cafonate da non fare mai a tavola e non solo...

E' finito il tempo di Donna Letizia e di Contessa Clara. Ma non perché le buone maniere sono ormai cosa condivisa, bensì perché ormai sono finite del tutto nel dimenticatoio. Siamo in tempi di cafonal assoluto, e dunque anche il galateo si deve aggiornare.

Nasce così "Keep Calm e Smetti di fare il cafone", edito da Newton&Compton (pp. 256, € 9.90), a firma di Miss Caterina. Oltre a fotografare impunemente la nostra società, dà indicazioni precise su cosa di può e non si può fare. I divieti degli anni Quaranta sono distanti anni luce, la cosa fondamentale ormai è mantenere contegno e se possibile provare a essere gentili. Se pensate che sia impossibile, ascoltate le parole del Dalai Lama: "Sii gentile quando possibile. E' sempre possibile". 

Come comportarsi dopo aver scoperto che il proprio fidanzato chatta su Facebook con una vecchia fiamma? È davvero maleducato non rispondere alle email? Esiste un modo elegante, e casomai economico, per fare dei regali graditi? Cosa si deve dire al proprio collega che fa coming out? Si devono fare gli auguri al proprio ex che si sta risposando? Come ci si deve comportare se si hanno ospiti vegani a cena? E, ancora, si può fare finta di niente con la vicina di casa il cui partner è stato messo agli arresti domiciliari?

Fra inviti e nuove conoscenze, passando per feste comandate e occasioni speciali, favori e regali, ma soprattutto nuovi costumi sociali e conoscenze virtuali, Miss Caterina firma un galateo moderno per imparare ad affrontare ogni situazione con spontaneità e, allo stesso tempo, con classe. Una guida moderna che suggerisce e illustra i comportamenti da tenere o da evitare in tutte le situazioni da oggi in libreria! 

"Questo galateo - spiega Miss Caterina, autrice di "Keep Calm e Smetti di fare il cafone" - è nato dal desiderio di raccontare come ci si deve comportare, o come non è più obbligatorio continuare a fare, nel 2015. Ho cercato di creare un manuale agile e pieno di consigli semplici e facili da mettere in pratica ogni giorno. In fondo, non c'è niente di più difficile che tenere a bada il cafone che è in noi. Quello che preferisce scegliere la strada più semplice - saltare la coda, lamentarsi quando c'è un disservizio, parlare al cellulare in treno -, e non la più educata".

#Cafonate
Ci sono dei momenti in cui è impossibile resistere alla tentazione di quelle che sono delle vere e proprie #cafonate e che dunque, come tali, devono essere messe alla gogna. Protagonisti siamo tutti noi quando non riusciamo a resistere dall’inzuppare nel cappuccino il cornetto fragrante, quando non ci alziamo dal nostro posto in treno per andare a parlare con il nostro collega di lavoro e intraprendiamo una lunghissima e noiosissima conversazione, quando… La lista è infinita. Ma per concludere questo libro all’insegna delle buone maniere – perché i tempi sono cambiati, e non è più possibile pensare che i modi siano ancora quelli del bravo cortigiano – ecco una lista di comportamenti da evitare, da colpevolizzare, da ridicolizzare. In fondo non siamo forse nel tempo della gogna (almeno di quella mediatica)?

0. Masticare a bocca aperta.
1. Abbandonarsi a rumori sgradevoli. In caso, fare finta di niente (gli altri dovrebbero forzarsi di fare come se niente fosse). Se ce lo fanno notare (cafonissimi!), scusarsene e cambiare subito discorso.
2. Appoggiare i piedi sul tavolo (se non siete dei cowboy o cowgirl). A proposito di cowboy: la cravatta o si tiene ben allacciata o si toglie; tenerla leggermente slacciata è consentito solo ai bad boys, possibilmente bellocci, in film per teenager.
3. Bere dalla bottiglia (se non state partecipando a un campionato di tennis).
4. Credersi superiori alle regole (soprattutto quando si parla di codice stradale).
5. Fingere conoscenze che non si hanno (e qui si apre una parentesi sterminata), e fare name dropping (menzionare persone note con una certa frequenza, con le quali si avrà o si fingerà di avere un rapporto intimo, al fine di darsi importanza).
6. Fare domande sfacciate.
7. Arrivare troppo in anticipo (o in ritardo) agli appuntamenti.
8. Prima di accettare un invito chiedere chi altro è invitato.
9. Chiedere un parere professionale a un professionista quando si incontra fuori dall’orario di lavoro.
10. Tenere le mani in tasca, in qualsiasi occasione.
11. Imporre le pattine agli amici che ci vengono a trovare a casa.
12. Ispezionare il fazzoletto dopo averlo usato.
13. Leggere la posta degli altri, e poi farsi scoprire. Anche se non ti scoprono, è comunque pessima educazione.
14. Origliare (vale la postilla del punto 13).
15. Leccare l’indice per sfogliare un libro o un giornale.
16. Ridere di qualcuno (sì, anche quando è davvero divertente quello che è appena successo).
17. Sbadigliare davanti a qualcuno (al massimo, coprirsi la bocca. A nessuno interessa vedere la splendida otturazione
che vi ha fatto quel dentista tanto esoso).
18. Scrivere (o dire!) il cognome prima del nome.
19. A tavola risucchiare gli spaghetti e, in ogni caso, dire «Prendine ancora altrimenti si butta via» (paragonando l’ospite alla pattumiera).
19bis. Leccare il cucchiaino dopo aver messo lo zucchero nel caffè (si fa sgocciolare, e poi si lascia sul piattino).
20. Voltarsi a seguire con lo sguardo qualcosa che ci incuriosisce. Indicare è vietatissimo, neanche a specificarlo.
21. Non togliersi gli occhiali da sole quando si viene presentati a una persona sconosciuta. E, indossarli quando fuori piove (o nevica!), ma soprattutto quando il sole è tramontato da ore. Gli occhiali con le lenti scure si tolgono sempre quando si è con qualcuno, anche se è vostra madre o vostra sorella.
22. Vietatissimo: incrociare le braccia dietro la testa, rosicchiarsi le unghie (tanto più usarle come stuzzicadenti!), toccarsi il naso (mai infilarci le dita), toccarsi le orecchie (mai infilarci le dita), sbadigliare, stirarsi o grattarsi quando qualcuno parla. Vietato anche toccarsi continuamente i capelli (maleducato e poi tradisce insicurezza).
23. Avvicinarsi troppo all’interlocutore con cui si sta parlando (rischio “doccia” e alito pestilenziale).
24. Chiedere assaggini, un sorso da un bicchiere, un tiro dalla sigaretta (disgustoso, non igienico, cafone).
25. Evitate sempre gli stuzzicadenti. L’acqua a tavola si serve in caraffe, e il vino sempre nella sua bottiglia (il decanter è solo per i sommelier nei ristoranti). Lo
champagne non si usa per accompagnare i dolci. Per l’occasione esistono, appunto, vini da dessert (moscato, spumanti dolci, eccetera). Il vino non si mischia mai con l’acqua, anche se è “troppo forte”. In questo caso se ne beve di meno.
26. Viviamo in una società di vecchi. Accettate il tempo che passa, esattamente come i chili di troppo. Non c’è niente di più ridicolo di una donna completamente rifatta, e sempre a dieta. Se vi siete ritoccate, ammettetelo. Anche il più abile dei chirurghi lascia tracce e perfino la più pietosa delle amiche non avrà rispetto per la compagna bugiarda.

Tags:
galateoregolecafonitavola
Loading...
in vetrina
Previsioni meteo, settimana con super anticiclone e temporali

Previsioni meteo, settimana con super anticiclone e temporali

i più visti
in evidenza
Fico mostra un lato B 'poetico' Ma la mano del fidanzato...

Belen, Diletta e... Le foto delle Vip

Fico mostra un lato B 'poetico'
Ma la mano del fidanzato...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Renault: look rinnovato e versione ibrida per la nuova Mégane

Renault: look rinnovato e versione ibrida per la nuova Mégane


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.