A- A+
Costume
Il comfort danese? Hygge "by night" il menù serale che conquista Milano
Matteo Salcito, Nicola Cingolani Chef e Donato Salcito

Hygge, un filosofia di vita nel menù serale by chef Nicola Cingolani

Hygge? Un termine danese dentro il quale c'è un mondo, uno stile di vita a base di relax, condivisione e stare bene con se stessi. In pratica è un momento di crescita personale e spirituale. E questa filosofia di vita nasce nel Nord Europa arriva in Italia, a due passi dai navigli milanesi in un bistrot che - tra materiali in legno e ferro, luce soffusa e piante - dal 15 marzo ha aperto le porte anche per il servizio serale. Dopo la colazione, il pranzo e il brunch del week end, la cucina confortevole di Hygge (pronunciato hugge) è pronta ad accogliere gli ospiti anche per la cena.

E se chef Cingolani cura un menù che vince tra contrasti di sapori e che regala un filo conduttore tra le diverse culture gastronomiche, la pastry chef Silvia Radaelli sorprende con dolci fuori dai soliti schemi capaci di catturare l'attenzione e, soprattutto, il palato.

Hygge by night, la filosofia del menù serale

Dal mercoledì al venerdì, dalle 19.30 alle 23.00 un nuovo menu ideato dallo chef Nicola Cingolani. La carta si compone di quattro bites per stuzzicare l’appetito, sei portate principali, quattro contorni e due dolci.

Un percorso che vede il vegetale tra i protagonisti principali. Una vera proposta hyggeling che porta a tavola il gusto al massimo della sua espressione. Tutto ruota attorno a un ingrediente protagonista del singolo piatto esaltato nella sua totalità, scarto compreso.

L’intento dello chef è creare un filo conduttore tra le diverse culture gastronomiche, per realizzare ricette che siano tradizionali nel gusto, ma indipendenti dalla cucina di riferimento.

Hygge Mise en place
 

E’ un concetto che richiama la cucina kaiseki, il cui scopo è mettere il cibo in armonia con le persone, in modo che l’esperienza sia il più piacevole possibile, attraverso l’utilizzo e il rispetto della materia prima di stagione utilizzata al culmine della sua freschezza, con un occhio di riguardo all’estetica. Una proposta che gioca con i contrasti in termini di consistenze e sapori: amaro/dolce, acidità/grasso senza mai dimenticare echi di affumicatura, brace e rotondità con chiare suggestioni orientali (Cingolani è stato a fianco di Tokuyoshi per un anno) e nordiche che si ritrovano nella scelta dei condimenti e delle cotture.

Hygge Involtino di razza, alga noti, rucolaInvoltino di razza, alga noti, rucola
 

Hygge apre le porte per la cena: il menù serale

Ogni piatto custodisce le esperienze dello chef, omaggiando e reinterpretando vecchie ricette, ingredienti “poveri” o dimenticati, legati a culture e territori specifici, non necessariamente italiani, per dare loro nuove sfumature nei sapori e nei profumi. Piatti di memoria, talvolta nostalgici, per suscitare nel commensale quel senso di familiarità e accoglienza nel quale riconoscersi e “tornare a casa”. Alcuni esempi: il “Socarrat di pasta e patate”, la "Zuppa di fagioli, uovo marinato, scalogno stufato e katsuobushi”, l’“Involtino di razza, alga nori e rucola” o la “Sovracoscia di pollo alla brace con ciliegie fermentate, taggiasche e rosmarino” quest’ultimo piatto una rivisitazione di una ricetta marchigiana (regione di provenienza dello chef) realizzata con il pollo, rosmarino, olive verdi e vino bianco.

"Dolce" Hygge con la pastry chef Silvia Radaelli

I dolci sono curati da Silvia Radaelli, la pastry chef (la sua ultima esperienza è da Seta) che ama inserire sapori salati e insoliti nei dessert, come pure ortaggi e verdure. Imperdibile la Mousse di capra con rapa marinata, polline e noci. Un menu svincolato dalla rigida separazione tra primi piatti e secondi, che si sviluppa attraverso un susseguirsi di pietanze tra le quali l’ospite si muove liberamente, scegliendo ciò che preferisce. Accompagna la carta una selezione di vini naturali e biologici provenienti dalla Toscana, dalla Sicilia, dal Veneto, dal Piemonte e Friuli Venezia Giulia, senza dimenticare la Francia. In alternativa, una nuova proposta di cinque cocktails analcolici (mocktails) realizzati in casa; bevande a base di frutta e spezie lavorate in modo da ottenere drink dalle personalità e dai contrasti ben definiti, riconducibili ai piatti del menu: dolce, acido, umami.

Hygge foto intro cs
 

Hygge diventa così uno spazio all day long che si veste da sera. Uno luogo senza “effetti speciali”, dove stare insieme in modo informale e rilassante davanti a un buon piatto e il cui valore è dato dalla bellezza delle piccole cose. Situato al civico 3 di Via Sapeto.

Hygge è aperto il lunedì dalle 10.00 alle 15.30

Il mercoledì, il giovedì e il venerdì dalle 10.00 alle 15.30 e dalle 19.30 alle 23.00.

Il sabato e la domenica dalle ore 10.00 alle ore 16.00

Hygge Chef Nicola Ciongolani, Pastry Chef Silvia Radaelli, Sous Chef Daniele GamarroChef Nicola Ciongolani, Pastry Chef Silvia Radaelli, Sous Chef Daniele Gamarro
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
comfortdanimarcahygge





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.