A- A+
Costume
Il Parco dell'Appennino Lucano si mette in mostra

Di Eduardo Cagnazzi

Natura, storia, paesaggi. E gli antichi borghi, gli habitat, le produzioni tipiche, il patrimonio geologico. Il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese, il più giovane parco d’Italia, si mette in mostra con  “A passi di Biodiversità”, l’iniziativa promossa dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare,  in vetrina presso il Museo archeologico provinciale di Potenza fino al 14 ottobre. Nell’ambito della mostra, il Parco dell’Appennino Lucano esporrà il meglio delle sue bellezze naturali e culturali ancora poco conosciute. Il visitatore verrà accompagnato in un entusiasmante viaggio virtuale ed avrà modo di conoscere ed approfondire le azioni di tutela e conservazione, di studio e ricerca che negli anni sono state portate avanti sulle specie faunistiche nidificanti in essa o sulle specie floristiche che trovano nelle sue praterie il loro habitat naturale, come le orchidee selvatiche. “La bellezza e l’importanza della natura sono oggi un valore condiviso. Il Parco dell’Appennino Lucano sposa a pieno la filosofia portata avanti dal ministero dell’Ambiente con le politiche di conservazione e recupero di specie, condivisa anche dalle popolazioni che vivono nelle aree protette: oggi il valore di vivere in un ambiente di qualità è più diffuso. Molti di noi sono tornati a voler passare il proprio tempo libero in natura, nelle aree verdi urbane o immersi in quelle dei Parchi. E valorizzare la biodiversità significa porre il capitale-natura al centro dello sviluppo sostenibile e della qualità della vita, e come sia fondamentale per contrastare vecchie e nuove emergenze ambientali”, spiega il presidente Domenico Totaro. Il Parco è situato nel cuore della Basilicata, tra il Parco del Pollino e quello del Cilento con i quali costituisce un corridoio ecologico di estrema valenza naturalistica. Istituito nel 2007, protegge 69mila ettari dell’Appennino Lucano su cui ricadono zone di notevole interesse naturalistico e scientifico, tra cui dodici siti speciali di conservazione, due zone di protezione speciale, un’area riservata alla dimora degli uccelli e due per le piante. Tra i maestosi boschi, i bacini lacustri e le alture dominanti si nascondono poi siti culturali di significativa importanza, come le rovine dell’antica città romana di Grumentum, mentre arroccati sulle sommità sontuose sono i suoi 29 borghi, uno scrigno di storia, cultura, tradizioni, antichi mestieri e prelibatezze culinarie. Così come lo sono i santuari religiosi, traccia storica di una sentita sacralità che si è tramandata nei secoli. Come quello della Madonna Nera, patrona della Basilicata. “Sono queste le risorse che mettiamo in mostra per rilanciare la nostra economia, convinti che la natura -sottolinea Totaro- va riscoperta e salvaguardata non solo per il suo valore in sé ma soprattutto come portatrice di una forte attrattività turistica. E quindi di opportunità di crescita del territorio. Quello su cui puntano la Basilicata e l’Italia”.

 

Tags:
parco appennino lucanoparco ’appennino lucano val d’agri lagonegrese
Loading...
in evidenza
Locatelli show: Italia agli ottavi Rimpianto Milan e assalto Juve

Euro2020, Svizzera travolta

Locatelli show: Italia agli ottavi
Rimpianto Milan e assalto Juve

i più visti
in vetrina
Caldo africano e nubifragi: ecco le zone più colpite. Meteo estremo

Caldo africano e nubifragi: ecco le zone più colpite. Meteo estremo


casa, immobiliare
motori
Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’

Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.