A- A+
Costume
Italiani non tutti pazzi per lo smartphone: vecchio cellulare per 1 su 5

Tutti pazzi per gli smartphone? A ben guardare forse no. Secondo l'indagine condotta da Demoskopea per Facile.it, comparatore specializzato anche nel settore delle tariffe telefoniche, il 20,5% degli italiani usa ancora un telefono tradizionale e non cede al fascino di quelli di nuova generazione. A preferire i tasti al touch screen sono soprattutto le donne: fra di loro la percentuale di chi ha ancora un telefono tradizionale è il 24,2% , mentre ci si ferma al 16,3% se si guarda all'universo maschile. 

L'istituto di ricerca ha intervistato per conto del portale un campione rappresentativo dell'universo degli italiani che hanno già compiuto i 15 anni* - equivalente a circa 40,5 milioni di individui - mettendo in luce molti dettagli particolarmente interessanti riguardo al rapporto dei nostri connazionali con il proprio cellulare.  

Nonostante l'opinione diffusa e lo stereotipo comune che dipinge l'italiano medio come un cellulare-dipendente il 66% del campione ha dichiarato di possedere un unico numero di cellulare (la percentuale di chi tiene in tasca un solo telefono sale ancora di più al Nord Est, dove arriva addirittura al 71,5%)  per il quale spende in media molto poco. Il 67% del campione totale non supera la soglia dei 15 euro mensili e addirittura un italiano su 3 (33,2%) riesce a spendere una cifra compresa fra i 9 e i 10 euro, che si riducono a meno di 8 euro per il 16,6% degli intervistati (19,2% nel Nord Ovest). 

Siamo un popolo di risparmiatori telefonici? Forse sì, dato che nel mercato italiano, sempre secondo i dati ricavati dall'indagine condotta da Demoskopea per Facile.it, l'89% degli utenti preferisce ancora la scheda ricaricabile al contratto, riuscendo così a limitare eventuali "sforamenti" di budget che potrebbero verificarsi con un abbonamento. Comportamento, questo, in linea con l'orientamento degli italiani anche in fatto di devices: secondo i dati di mercato, nell'ultimo anno le vendite di smartphone di prezzo compreso tra 85 e 130 euro sono cresciute del 65%. 

"Sono molti i fattori che hanno contribuito a ridurre le spese di telefonia cellulare degli italiani - ha dichiarato Paolo Rohr, Direttore BU Utilities e Telefonia di Facile.it. - Da un lato la forte concorrenza e la riduzione delle tariffe offerte sul mercato che, è bene ricordarlo, in un tempo relativamente breve si sono ridotte di quasi il 20%, ragion per cui diventa ancora più importante confrontare le proposte delle compagnie; dall'altro la diffusione sempre più massiccia di strumenti di messaggistica gratuita. Dall'indagine - continua Rohr - è emerso, ad esempio, che quasi il 58% degli intervistati usa abitualmente Whatsapp, con evidenti vantaggi sulle spese".

Tags:
italianicellularismartphone
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.