A- A+
Costume
Costiera Amalfitana, la primavera è il momento giusto per visitarla. Reportage

Di Franca D. Scotti

Il fascino di Ravello e della costiera amalfitana, tutta inserita nel Patrimonio Mondiale Unesco, è  sempre senza confronti.

In tutte le stagioni, soprattutto in primavera, quando  la costiera rifiorisce di colori e profumi.

Questo é il “panorama più bello del mondo” diceva lo scrittore americano Gore Vidal.

Una terrazza aerea che si protende all’infinito sopra il mare Tirreno, le costiere di Maiori e Minori, il promontorio di Punta Licosa.

Alle spalle terrazze a perpendicolo, i boschi fitti dei Monti Lattari, e le meravigliose coltivazioni eroiche di vigne e uliveti.

Non a  caso  qui sono  approdati  intellettuali,  artisti, VIP di tutti i tempi: Lawrence,  Gide, Wagner che a  Ravello folgorato dai  giardini di villa Rufolo,  identificò i magici giardini incantati  di Klingsor  del Parsifal.

E poi Jacqueline Kennedy e Gore Vidal.

All’altezza di questi  ospiti illustri, ovviamente, sia la ristorazione che l’hotellerie.

Palazzo Avino, in una perfetta scenografia naturale, è uno splendido albergo aperto in un’antica dimora gentilizia del XII secolo, sapientemente riadattata: suites  arricchite con mobili d’epoca, terrazze, Spa, solarium e piscina riscaldata all’aperto.

La posizione  a 350 metri sul livello del mare  regala una veduta ineguagliabile sul Golfo e sui rilievi dei monti ammantati di verde.

Il ristorante Rossellinis, con una stella Michelin, viene considerato tra i luoghi più suggestivi e romantici dell’intera Costiera Amalfitana, mentre  il Caffè dell’Arte ricco di opere di arte contemporanea e la Terrazza Belvedere, dalla cucina  legata al territorio e alla tradizione, offrono un panorama mozzafiato.

www.palazzoavino.com

Per scoprire i gioielli di Ravello, si percorre la via centrale su cui si apre Palazzo Avino. Scorci anche qui fino alla Piazza principale.

Villa Rufolo presenta uno stile originario di sintesi araba, sicula e normanna, con aggiunte  romantiche  dei giardini ottocenteschi: archi intrecciati e la  cupola a ombrello, statue ad ogni angolo, viali di tigli e cipressi, la maestosa torre maggiore alta 30 metri che diventerà quest’anno  un museo verticale.

Il complesso di Villa Cimbrone, invece, é tra i più importanti esempi che la cultura romantica e  botanica anglosassone ha creato nell’area mediterranea, in posizione altissima  sulla costiera.

Vegetazione variatissima, innumerevoli elementi decorativi, fontane, ninfei, tempietti, padiglioni, statue, fino al Terrazzo dell’Infinito, un  impareggiabile balcone naturale adorno di busti marmorei, proteso sul mare scintillante e sul golfo.

Insomma “il luogo più bello del mondo”, dove si incontravano gli intellettuali inglesi del circolo di Bloomsbury.

Scalette e  sentieri per scendere al mare  fino ad Amalfi, un’altra perla della costiera. Qui ci attende l’allegria movimentata delle vie che portano all’interno costellato di boutique, negozietti di ceramiche, meravigliose pasticcerie e l’incredibile profumo dei limoni.

Verso l’interno ci si inoltra nella Valle dei Mulini,  della lavorazione della carta e delle limonaie.

Oggi l’esperienza più intrigante è il Lemon Tour: si sale verso limonaie dorate, dove i cosiddetti flying farmers si inerpicano sopra pali di castagno per legare le piante, controllare i frutti, eliminare acari e muffe.

Al sole brillano i frutti gialli profumatissimi: è lo “sfusato amalfitano”, arrivato  secoli fa dall’Oriente che oggi ha il riconoscimento IGP, da usare in mille modi, condimento, liquore, essenza, marmellata.

A conclusione un’immancabile degustazione di torta al limone delicatissima e di limoncello artigianale che si può acquistare  insieme con i saponi al limone e i mille altri prodotti specializzati. www.amalfilemon.it

A Furore infine, se si incontra l’effervescente sindaco Ferraioli, appassionato della sua terra, si scopriranno i fasti di “Costa Diva”,  l’epopea del cinema del passato, quando qui  amoreggiavano e litigavano Rossellini e la Magnani, in una casetta rosa nascosta nel selvaggio fiordo,  dove il mare si solleva impetuoso anche fino a 14 metri.

Oggi a Furore l’attrazione più grande sono i murales che ne fanno uno dei paesi dipinti più belli d’Italia: gli artisti ospiti hanno lasciato una traccia di sé nei muri pubblici con scene che ricordano la vita del borgo,  pescatori, sirene, barche, sole, mare. www.comunefurore.it

Ristorazione:

a Ravello da  non perdere una sosta a Villa Maria, un’oasi di tranquillità con splendida vista sul mare, residenza estiva di un nobile romano nell’Ottocento, oggi preziosamente restaurata dalla famiglia Palumbo.  Atmosfera di una villa alto borghese, ristorazione curata da orto biologico, scuola di cucina Villa Maria Cooking School fondata nel 1974, famosa sia in Italia che all’estero, con ingredienti a chilometro zero.

www.cookingravello.com

Tags:
primavera costiera amalfitanacostiera amalfitanacostiera amalfitana viaggioviaggio costiera amalfitanacostiera amalfitana itinerario
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.