A- A+
Costume
Salute, 10 esercizi felici contro il decadimento cognitivo

- Il percorso di prevenzione del decadimento cognitivo e di miglioramento dello stile di vita “Chi ha gambe ha testa” è stato inaugurato nel parco secolare di Humanitas Gavazzeni, a Bergamo, in collaborazione con ATS. Per la prima volta in Lombardia, il progetto che coniuga esercizio fisico e mentale trova spazio in un ospedale a beneficio del pubblico, che viene invitato a concedersi una passeggiata speciale: un chilometro nel verde lungo il quale sono posti 14 cartelli con esercizi di memoria e logica ideati dai neurologi della provincia di Bergamo coordinati da ATS. Scopo: prevenire il decadimento cognitivo, migliorando il proprio stile di vita con un po’ di moto regolare. “Negli ultimi anni la ricerca – spiega la dottoressa Paola Merlo, responsabile della Neurologia di Humanitas Gavazzeni e tra gli specialisti coinvolti da ATS nella creazione degli esercizi - ha permesso di raccogliere sempre più evidenze relative all’influenza dello stile di vita sul rischio di sviluppare demenza.Sono noti i benefici dell’attività fisica regolare in termini di riduzione del rischio di eventi cardiovascolari e di insorgenza di malattie quali diabete, ipertensione arteriosa, obesità, depressione. Ed è anche noto che queste stesse patologie costituiscono a loro volta delle condizioni che possono predisporre allo sviluppo di demenza. Pertanto, verosimilmente, l’attività fisica ha benefici indiretti anche a livello cerebrale e quindi sulle funzioni cognitive”. Il percorso, tra alberi secolari e giochi di memoria Una ricca flora, dal cedro dell’Himalaya alla magnolia degli Stati Uniti, dal faggio europeo al Ginkgo Biloba, casa di conigli selvatici, germani reali, aironi e tortore: così si presenta il parco secolare di Humanitas Gavazzeni, cuore della struttura attorno a cui, dal 1903, si è via via costruito il moderno ospedale. Tra i suoi viali, i 14 cartelli di “Chi ha gambe ha testa” tracciano un percorso di un chilometro con semplici esercizi per attivare memoria e logica: associare numeri a parole, memorizzare foto di animali per ripetere i loro nomi in ordine alfabetico mentre si cammina, trovare le differenze tra due immagini, elencare tutti i vocaboli possibili che iniziano con la lettera P… giochi di complessità più o meno strutturata che divertono e attivano la riserva cognitiva. Invecchio dunque gioco… per mantenere la plasticità cerebrale Al fenomeno del generale invecchiamento della popolazione mondiale è legato anche quello dell’aumento del declino delle funzioni cognitive: si calcola infatti che entro il 2050 saranno 131 milioni le persone colpite*. Data la diversità di forme di demenza e dei processi che contribuiscono al loro sviluppo (non ancora tutti noti), parlare di prevenzione significa riferirsi a fattori che possano ridurre - senza però eliminare completamente - il rischio di ammalarsi di demenza o ne ritardino l’insorgenza**. Ma prevenzione può non fare rima con imposizione! In questo senso il gioco, inteso come allenamento attivo, può aiutare a mantenere vivace la riserva cognitiva e i suoi circuiti neuro-sinaptici. 10 consigli a cura dei neurologi di Humanitas Gavazzeni, Bergamo Gioco a… 1) Imparare una nuova lingua! Tre parole nuove al giorno, una piccola sfida con se stessi. Le modalità possono essere tante: dalle nuove App, impostate proprio su sistemi interattivi che stimolano il lato ludico dell’apprendimento, ai vecchi post-it da attaccare sugli oggetti di casa, partendo da quelli comuni fino ai meno usuali. 2) Ricordare… dove ero la settimana scorsa in questo momento. Se il ricordo non affiora, giocare a ripercorrere passo a passo la settimana, collegando eventi più o meno importanti a luoghi e orari fino a raggiungere quel momento specifico. 3) Memorizzare una nuova canzone, una filastrocca, una poesia, il passo di un romanzo che amiamo… L’importante è che dia piacere sentirlo affiorare alla mente. 4) Fare sudoku, parole crociate, giocare a carte, scacchi, dama, giochi di società… anche con i nipoti! Un modo divertente per mantenere attiva la mente con piccoli calcoli ed esercizi di logica. 5) Usare meno le facilitazioni del cellulare: il completamento automatico del T9, ad esempio, o l’agenda. In generale, continuare la buona pratica di scrivere a mano. 6) Sperimentare una ricetta nuova: un ingrediente dal sapore sconosciuto dà modo di provare qualcosa di nuovo e quindi di catalogare un’esperienza in più, connettendola al resto del nostro vissuto. 7) Uscire dalla “comfort zone”, ma senza stress. Viaggiando, se possibile, oppure modificando i tragitti quotidiani o gli orari fissi. 8) Leggere perché è un’attività in cui il processo di attenzione e di memorizzazione vanno all’unisono. 9) Chiacchierare, mantenere allenato il vocabolario, socializzare e coltivare le relazioni. 10) Coltivare gli interessi: film, arte, teatro, musica… 

Tags:
esercizi decadimento cognitivodecadimento cognitivo esercizihumanitas gavazzeni
in evidenza
Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

Euro 2020, super Italia

Gioiello di Pessina, Galles ko
Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.