A- A+
Costume
Il vicino del terzo piano? Il nuovo collega di lavoro? Il marito di nostra sorella??? A quanto pare potremmo essere circondati da infedeli e non rendercene nemmeno conto! Sì perché in base ai dati raccolti su oltre 800.000 iscritti, l'infedele italiano ha 40 anni, è milanese e ha un aspetto fisico tipicamente mediterraneo. E, ovviamente, è uomo.
 
Anche se le donne sono le più numerose a concedersi una scappatella extraconiugale, il 60% degli utilizzatori di Gleeden è infatti di sesso maschile. E il nostro infedele non fa eccezione: ingegnere, guadagna tra i 30.000 e i 50.000 euro l'anno, ama il cinema, i buoni ristoranti e viaggia spesso; ha un carattere gioioso e affidabile e una natura sportiva: oltre ad amare il calcio (siamo in Italia!) è infatti un buon nuotatore. Del segno dei gemelli, l'uomo infedele si dichiara aperto a ogni tipo di relazione anche se ammette di prediligere quelle di breve durata. Per quanto riguarda le sue preferenze in materia di sesso, infine, l'insospettabile infedele è un tipo avventuroso, che ama fare l'amore in luoghi insoliti, guardare film erotici, ma che non disdegna neanche incontri sessuali più teneri e romantici.
 
Infedele dopo 3 anni
 
Ma dopo quanto tempo l'infedele diventa appunto... infedele? E per quale motivo? In base alle risposte fornite da un campione di 13.000 iscritti, 3 anni sembrano il tempo massimo concesso alla fedeltà. La maggioranza degli intervistati dichiara infatti di essersi iscritta al sito di incontri tra il 4° e il 7° anno di relazione (45%), anche se un buon 24% ammette di aver tradito prima dei 3 anni. Solo il 9% ha confessato di aver ceduto al fascino dell'adulterio già nel corso del primo anno, mentre l'11% sembra essere stato più paziente e ha aspettato ben 10 anni prima di concedersi la fatidica scappatella.
 
Anche se l'infedeltà non aveva certo bisogno di internet per esistere, oggi è senza dubbio diventata più accessibile. Uno studio condotto dalla società francese TNS Sofres ha già infatti provato come possiamo contare una media di 4,7 amanti nel corso della nostra vita, e con l'avvento delle app d'incontri la cifra potrebbe facilmente raddoppiare. Almeno è quello che pensano gli psicologi della Open University di Walton Hall, in Gran Bretagna, che hanno recentemente dimostrato come internet e adulterio vadano oggi a braccetto. 
 
Dopo quanti anni di relazione ti sei iscritto a Gleeden?
 
Nel corso del primo anno di relazione - 9%
Tra il 1° e il 3° anno - 24%
Tra il 4° e il 7° anno - 45%
Tra l'8° e il 10° anno - 11%
Dopo 10 anni - 11%
 
Le ragioni del tradimento
 
Come prevedibile, è la voglia di evadere dalla routine la prima ragione che spinge a tradire il partner e a cercare emozioni fuori dalla coppia (43%). Non di minor importanza, il sesso, causa dell'infedeltà del 26% degli intervistati. Un 24% dichiara infine di aver ceduto alle lusinghe del tradimento per potersi sentire di nuovo desiderato/a. 
 
Perché sei stato/a infedele?
 
Per evadere dalla routine della vita di coppia - 43%
Per il sesso - 26%
Per sentirmi nuovamente seducente - 24%
Altro - 7%
 
Perché su Gleeden?
 
Oltre la metà degli intervistati (52%) dichiara di essersi iscritto a Gleeden.com perché vi ha trovato partner in grado di comprenderli; altri (29%) hanno scelto di affidarsi al sito di incontri extraconiugali per poter trovare più facilmente persone con le stesse aspettative, mentre solo un 19% ammette di aver scelto la strada del dating online per evitare un coinvolgimento a lungo termine. 
 
Perché ti sei iscritto a Gleeden?
 
Perché mi sento compreso - 52%
Mi sembra il più trasparente - 29%
Per evitare relazioni serie - 19%
Altro - 8%
 
Il prezzo dell'infedeltà
 
45€ al mese: è questa la cifra media che l'infedele italiano spende su Gleeden per poter interagire con le signore della community, con cui trascorre in chat circa due ore al giorno ripartite in 4 visite. Si connette preferibilmente tra le 15.00 e le 18.00, in orario d'ufficio, e tra le 21.00 e mezzanotte, ovviamente lontano dall'occhio vigile della partner ufficiale. 
 
Infedeltà 2.0
 
Per quanto riguarda, infine, i mezzi preferiti per portar avanti la tresca, la maggioranza degli intervistati (36%) utilizza l'app di Gleeden disponibile per smartphone. Lanciata nel 2012, l'app garantisce agli iscritti il massimo livello di privacy e discrezione, impensabili con altri servizi, diventando in breve tempo lo strumento preferito dagli infedeli 2.0. Il 33% rimane ancora un amante tradizionale, preferendo classiche chiamate e messaggi, mentre un buon 27% decide di affidarsi a un più freddino, ma sicuramente efficace, scambio di email. 
 
Quale mezzo di comunicazione utilizzi per portar avanti le tue relazioni extraconiugali?
 
App Gleeden - 36%
Telefonate e sms - 33%
Email - 27%
Altro - 4%
 
*Sondaggio online condotto su Gleeden.com dal 4 all'11 gennaio 2016 su un campione di 13.004 membri iscritti alla community italiana di entrambi i sessi.
Iscriviti alla newsletter
Tags:
moromilaneseingegnereinfedeletraditore
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.