A- A+
Cronache
Olimpiadi invernali in Russia, a Sochi è strage di cani randagi

Le autoritò russe non vogliono cani randagi a Sochi in occasione delleOlimpiadi, perché li considerano un danno all'immagine. Quindi, per risolvere il problema, hanno ordinato che il numero degli animali uccisi sia intensificato. In città ci sono 2mila gatti e cani randagi. Alle aziende partecipanti è stato richiesto di organizzare squadre che operino dalle 5 alle 8 della mattina per "disporre" di 2.028 cani e gatti, offrendo in cambio 1,7 milioni di rubli (oltre 40mila euro). Un portavoce del municipio di Sochi ha assicurato che la campagna non nasce dalla crudeltà ma da motivi igienici e di sicurezza, visto che i randagi "a volte attaccano i bambini e spesso sono animali malati che portano infezioni". Lo sterminio dei randagi ha un precedente in Ucraina, dove in vista degli europei di calcio del 2012 fu avviata silenziosamente una campagna per abbattere i cani randagi, denunciate dalle organizzazioni animaliste.

Basya Services, la compagnia incaricata da anni di catturare e uccidere gli animali nell'area ha spiegato di aver ricevuto istruzioni in proposito dalle autorità. A riferirlo è il direttore Alexei Sorokin: "Un cane è entrato nel Fisht Stadium e l'abbiamo portato via. Dio vieta che qualcosa del genere accada alla cerimonia di apertura, sarebbe una disgrazia per tutto il Paese".

Sergei Krivonosov, deputato della regione di Krasnodar, si è espresso a favore della strage di cani, definendola "una responsabilità nei confronti della comunità internazionale: la loro eliminazione è il modo più veloce per risolvere questo problema". Ha ammesso, tuttavia, che "non sia il modo più umano" di gestire la situazione, perché le autorità dovrebbero promuovere la realizzazione di rifugi per gli animali".

Tags:
sochistragecani randagi
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.