A- A+
Cronache

 

Ritorna e spaventa l'influenza aviaria. L'Istituto Superiore di Sanità "ha registrato la positività per il virus dell’influenza aviaria H7N7 in una persona affetta da congiuntivite ed esposta per motivi professionali a volatili malati appartenenti agli allevamenti presenti nella Regione Emilia Romagna, nei quali era stata riscontrata la presenza di tale infezione virale". Ma non è un episodio isolato. Forti sospetti ci sono anche su un secondo caso di contagio umano. Oltre all'allevatore infatti c'è un sospetto, di cui si attendono per oggi i i risultati degli esami di laboratorio, come ha confermato Tiziano Carradori, direttore generale dell'assessorato alla Sanità della Regione Emilia-Romagna.

GLI ABBATTIMENTI - Le operazioni di abbattimento dei volatili colpiti dal virus H7N7 dell'influenza aviaria, già terminate in due allevamenti (Ostellato e Portomaggiore nel Ferrarese), verranno completate e concluse anche per gli altri due focolai, entrambi a Mordano (Bologna), nella serata di mercoledì. Lo fa sapere la Regione Emilia-Romagna lA TRASMISSIONE - Il virus H7N7 non viene facilmente trasmesso all'uomo - ricorda il ministero - che può infettarsi solo se viene a trovarsi a contatto diretto con l'animale malato o morto. A differenza di altri virus aviari (quali ad esempio H7N9 o H5N1), H7N7 tende a dare nell'uomo una patologia di lieve entità (come la congiuntivite), come già osservato in un focolaio umano verificatosi anni fa in Olanda". "Essendo rara la trasmissione da persona a persona - aggiunge la nota - i focolai umani tendono ad autolimitarsi, per cui il rischio di comunità è estremamente basso o addirittura irrilevante". La Regione Emilia Romagna, di concerto col ministero della Salute, avendo "prontamente identificato i focolai animali, ha adottato tutte le procedure necessarie a porre sotto controllo l'infezione".

MONITORAGGI CONTINUI - Intanto Il ministero della Salute prosegue il monitoraggio sull'influenza aviaria, "i controlli negli allevamenti proseguono senza sosta e allo stato attuale nessun'altra positività è emersa - si legge in una nota del dicastero -. Pertanto il numero di focolai accertati resta di quattro. Egualmente stanno proseguendo le operazioni di abbattimento dei volatili negli allevamenti focolaio, al momento concluse nell'allevamento di Ostellato e di Portomaggiore, in provincia di Ferrara, nonché negli allevamenti autorizzati per l'abbattimento preventivo nelle aree a rischio".

Tags:
virusaviariaoperaiemilia
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.