A- A+
Cronache

 

Rubin Talaban, l'albanese ritenuto dall'accusa l'uomo che ha sfigurato il volto dell'avvocatessa urbinate, Lucia Annibali, e' da ieri mattina rinchiuso nel carcere di Vasto, dopo un'operazione congiunta dei carabinieri dei comandi provinciali di Pesaro e Chieti. Lo hanno catturato in un appartamento di San Salvo Marina. Secondo quanto si apprende, l'uomo era in procinto di partire per l'Albania.

Di Taleban i carabinieri di Pesaro, guidati dal colonnello Giuseppe Donnarumma, sapevano tutto: anche della fitta rete di complici su cui poteva contare per lasciare l'Italia. Ai militari e' bastato monitorare alcuni gruppi di suoi concittadini, capaci di organizzare espatri clandestini e molto inseriti nel tessuto criminale italiano, e attendere che si presentasse a chiedere aiuto. Nei giorni di latitanza, il pregiudicato albanese si era fatto crescere la barba per nascondere il neo che ha sul viso e che lo avrebbe reso facilmente riconoscibile ai controlli di frontiera. Il piano di fuga sarebbe dovuto scattare ieri, in occasione della festivita' del primo Maggio da San Salvo Marina, mescolato insieme ad altri passeggeri all'interno di un furgone diretto verso l'Est Europa;. Prima tappa a Trieste, approfittando del confine aperto, e poi in direzione sud, verso la Slovenia e poi la costa dalmata e montenegrina, con destinazione finale Scutari, la sua citta' natale.

Il blitz dei carabinieri e' scattato alle 3 della notte tra martedi' e mercoledi': in 40 hanno circondato l'appartamento nel quale Taleban si nascondeva con due suoi complici, anche loro albanesi. L'uomo non era armato, ma ha cercato ugualmente di sottrarsi all'arresto, cercando di fuggire da una finestra: e' stato preso e portato in caserma. Ai militari non ha detto nulla e dopo le formalita' di rito e' stato rinchiuso nel carcere di Vasto, a disposizione dell'autorita' giudiziaria di Pesaro. L'attenzione degli inquirenti si e' subito rivolta a una lesione al collo, anche questa nascosta dalla barba: e' oggetto di esame per verificare la compatibilita' con l'acido solforico utilizzato per aggredire Lucia Annibali e che, durante la concitazione dell'aggressione, sarebbe schizzato anche addosso al suo aggressore. Insieme a colui che e' ritenuto l'aggressore dell'avvocatessa Lucia Annibali, sono finiti in carcere, con l'accusa di favoreggiamento, i fratelli Arvid Spahija, 22 anni, e Arlind Spahija, 20 anni, entrambi albanesi nativi di Scutari e pregiudicati. Ma gli inquirenti hanno un forte interesse investigativo a delineare la posizione di una o piu' persone che possono aver avuto un ruolo in questa vicenda, che e' iniziata ben prima della sera del 16 aprile scorso, quando l'avvocatessa e' stata sfigurata al volto sulla porta della sua casa di Pesaro.

Tags:
avvocatessaaggreditaacidocarcere
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.