A- A+
Cronache

"Non esiste ancora nessun decreto su Taranto pubblicato sul sito di palazzo Chigi (anomalia tutta italiana quella di annunciare approvazione di decreti e non averne traccia per giorni ) e quindi dobbiamo valutare il comunicato del governo e le dichiarazioni del presidente del consiglio dei ministri." lo dichiara il co-portavoce nazionale dei Verdi Angelo Bonelli. "Sulle bonifiche e riqualificazione dell’intera area di Taranto si chiede al Commissario straordinario per la bonifica, di mettere a sistema misure per la bonifica e riqualificazione dell’intera area di Taranto, dichiarata ad elevato rischio di crisi ambientale, attraverso un programma volto a garantire un adeguato livello di sicurezza per le persone e per l'ambiente, nonché a mitigare le relative criticità che ostacolano la competitività delle imprese del territorio Tarantino."continua Bonelli.

"Quindi nessun fondo aggiuntivo è previsto per le bonifiche e le risorse rimangono le stesse stanziate nell'agosto del 2012, ovvero 119 milioni di euro, una goccia nell'oceano perché il danno ambientale stimato dai tecnici della procura e di Arpa è di 8 miliardi di euro. Ma la frase del comunicato che preoccupa - precisa il leader dei Verdi- è quella in cui si chiede al commissario per le bonifiche di mitigare le criticità ambientali che ostacolano la competitività delle imprese tarantine. Il presidente del consiglio dei ministri ha parlato di 2 miliardi di euro per Taranto ( non tutti destinati agli impianti ) che sono esattamente la metà di quanto previsto dalla bozza di piano industriale di Bondi stimato in 4,1 mld di euro così suddivisi: 1,8 mld per interventi ambientali su impianti, 1,75 per investimenti tecnologici e 600 milioni per investimenti su la sicurezza sul lavoro." "Renzi ha annunciato la proroga ulteriore dell'applicazione delle misure ambientali previste dall'AIA sino ad un massimo di 36 mesi che coincide con il termine della procedura di amministrazione straordinaria controllata. Questa ennesima proroga avrà conseguenze gravi sulla salute della popolazione tarantina- denuncia l'esponente ecologista- a partire dai bambini e contrasta con la sentenza n.85 della Corte Costituzionale n.85 che stabiliva la legittimità dei precedenti decreti Salva Ilva solo se il cronoprogramma di applicazione delle misure ambientali fosse stato rigorosamente applicato. Una nostra proposta di decreto l'abbiamo presentata- conclude Bonelli- e siano disponibili al confronto con il governo per il bene della città di Taranto e dell'Italia"

Tags:
bonelli
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.