A- A+
Cronache
Brandizzo, il tecnico salvo: "Abbagliato dai fari mi sono lanciato nel buio"
Mattarella a Brandizzo depone un mazzo di fiori davanti la stazione

 

Chi ha sbagliato? Rfi - prosegue Il Corriere - fa sapere che i lavori sui binari "sarebbero dovuti iniziare soltanto dopo il passaggio di quel treno". Sempre secondo le primissime ricostruzioni sembrerebbe esclusa la responsabilità dei macchinisti che, dicono fonti investigative, non hanno trovato alcun semaforo rosso a sbarrar loro la strada e andavano a velocità regolare, cioè a 100 chilometri orari in un tratto dove è consentito arrivare fino a 160. Secondo quanto riporta Repubblica, la certificazione relativa alla sicurezza sul lavoro mostrata sul sito dell’azienda Sigifer è scaduta lo scorso 27 luglio. Una prima certificazione ‘UNI ISO 45001:2018’ è la numero 29442 ed è stata rilasciata da una società appartenente alla Cisq, e ha una ultima emissione il 28 luglio del 2020 e una scadenza il 27 luglio 2023. Poi è presente un secondo certificato, dal numero IT-119334, che ha le stesse date di ultima emissione e di scadenza.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
brandizzostrage treno
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Francesca Pascale e Paola Turci divorziano: dopo due anni sciolta l'unione civile

Francesca Pascale e Paola Turci divorziano: dopo due anni sciolta l'unione civile


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.