A- A+
Cronache
Camorra, in mano anche il business delle mense scolastiche: 9 arresti

Camorra: 'pizzo' per mense scolastiche, 9 arresti

I clan del Napoletano volevano la loro parte anche per la gestione delle mense scolastiche. E' lo spaccato che emerge da una indagine che ha portato i carabinieri del comando provinciale di Napoli a eseguire una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal gip partenopeo a carico di 9 indagati ritenuti vicini a due cosche, una legata al clan Mallardo e attiva nella zona costiera di Giugliano, l'altra vicina al clan De Rosa, con radici nel territorio di Qualiano. Con atti intimidatori, attraverso l'uso di armi o rivendicando la loro appartenenza alla criminalita' organizzata, gli indagati praticavano estorsioni anche ai danni di ditte edili, pescherie alberghi. Le indagini dei militari della Compagnia di Giugliano hanno avuto inizio dopo la denuncia del dirigente di una ditta distributrice di pasti ad alcuni plessi scolastici nella zona di Varcaturo e Lago Patria, sul litorale domitio. Alcuni addetti alle consegne erano stati avvicinati da persone che, con minacce esplicite, avevano loro intimato di "mettersi a posto"; in caso contrario, avrebbero dato fuoco ai furgoni dell'azienda.

S.C., titolare di una ditta di che si occupa di ristorazione collettiva con sede a Napoli, aveva presentato denuncia di essere vittima di estorsione dopo che due dei suoi dipendenti il 10 ottobre 2016, nel corso del loro giro di consegne dei pasti a istituti scolastici nel litorale domitio erano stati avvicinati da emissari di Biagio Vallefuoco, uomo dei clan nel Giulianese. Due persone a bordo di un scooter di grossa cilindrata con i caschi integrali a coprire il volto avevano mandato una richiesta: "Dillo al tuo titolare che si deve presentare dove lui gia' sa, altrimenti incendio qualche furgone. Noi sappiamo che avete fatto gia' quattro scuole e adesso andatevene". Otto giorni dopo, sempre due persone, a un altro dipendente pure impegnato nelle consegne, avevano detto. "Questo e' il secondo avvertimento...- avvisa il tuo padrone che gia' sa dove deve venire". Anche in questo caso, l'imprenditore presento' denuncia. In una intercettazione ambientale in auto, un altro degli indagati, Giuliano Quaranta, che teneva sotto estorsione imprenditori e commercianti nella zona di Qualiano, domanda va a Vallefuoco, mentre percorrono via Ripuaria a Giuliano e dopo aver incrociato il furgone della ditta che andava consegnare pasti a una scuola, se aveva "acchiappato" la ditta, e Biagio vallefuoco conferma di averli "presi"; per lui questo tipo di estorsioni erano un "servizio pulito" al punto che "non ti possono chiamare nemmeno ladro". Vallefuoco dai collaboratori giustizia e' indicato come un elemento interno al clan Mallardo dedito alle estorsioni soprattutto nella zona di Lago Patria da quasi vent'anni. Nell'inchiesta dei carabinieri sono documentate anche richieste di 'pizzo' a una ditta edile che aveva avuto subappalti per una abitazione a Qualiano a maggio del 2017; "cortesemente fai l'imbasciata alla ditta che deve cacciare un regalo", l'invito degli emissari del gruppo a dipendenti del cantiere di una mansarda. Nel mirino degli arrestati, anche una pescheria sempre a Qualiano dove nell'ottobre 2016, sempre rivolgendosi a un dipendente, un componente del gruppo fa sapere: "mi mandano gli amici di Qualiano, se ci potete mandare qualche regalo". Quando questi risponde che non e' il titolare, l'emissario dice di riferire "al tuo capo che siamo passati e se nel caso ripasseremo". Anche questo caso pero' c'era stata una denuncia. Minacce estorsive sono arrivate anche all'hotel S. di Giuliano, al cui titolare sono stati chiesti 8mila euro di pizzo, e all'albero L'I., anche se qui la cifra pretesa non e' chiara. L'inchiesta si basa anche su intercettazioni telefoniche e ambientali, compresi dialoghi nel carcere di Secondigliano. E ci sono anche le testimonianze di diversi collaboratori di giustizia.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    camorrapizzomense
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"





    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.