A- A+
Cronache
Carabiniere ucciso, ancora punti oscuri: procedure, coperture, scippo e...

Carabiniere ucciso: i punti fermi dell'indagine

Il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, la sera in cui e' stato ucciso con 11 coltellate, non aveva la pistola di ordinanza. E' il dettaglio fondamentale, e fino ad oggi sconosciuto, emerso nella conferenza stampa organizzata presso il comando provinciale dei carabinieri di Roma con la partecipazione dei magistrati della procura. "Solo lui sa perche' non aveva l'arma - ha spiegato il generale Francesco Gargaro -, l'aveva lasciata il caserma, noi l'abbiamo trovata nel suo armadietto. Forse Cerciello Rega l'aveva dimenticata ma in ogni caso non avrebbe avuto la possibilita' di usarla, data l'aggressione immediata e imprevedibile dell'americano Elder Finnegan Lee. Il vicebrigadiere aveva con se' le manette per un servizio in borghese che viene svolto in queste modalita', corrette, ogni sera". Ma altri elementi, in parte inediti, sono emersi dall'incontro con i giornalisti.

IL COLLEGA NON POTEVA SPARARE

Andrea Varriale, invece, era armato ma non avrebbe potuto utilizzare la pistola: "Avrebbe subito conseguenze se avesse sparato a uno in fuga, ha preferito soccorrere il collega ferito a morte. Ne' avrebbe potuto sparare colpi intimidatori in aria: non e' previsto dal nostro ordinamento", ha detto Gargaro. I due carabinieri, in sostanza, sono stati sopraffatti nell'immediatezza e, quando si sono qualificati, non si aspettavano una reazione cosi' violenta da parte di Elder Finnegan Lee.

FOTO DEL FERMATO BENDATO

Il procuratore vicario Michele Prestipino ha reso noto che il suo ufficio ha avviato le prime indagini per fare luce sulla foto del californiano Christian Gabriel Natale Hjorth bendato e ammanettato in caserma poco prima di essere interrogato dai magistrati. Precisato che Hjorth e Lee sono stati sentiti con tutte le garanzie di legge e che il primo, in ogni caso, oltre ad avere avuto l'opportunita' di un colloquio riservato con il proprio difensore, non ha fatto mettere a verbale alcun riferimento al trattamento ricevuto poco prima, Prestipino ha evidenziato che "gli accertamenti sull'autore della foto e su chi l'ha diffusa via chat saranno portati avanti dalla procura senza pregiudizio, con determinazione e rigore, gia' dimostrati in altre vicende. I vertici dell'Arma hanno gia' definito questo episodio come un fatto grave e inaccettabile". Sull'episodio della foto "non ci sara' alcuna indulgenza", ha assicurato il procuratore aggiunto Nunzia D'Elia.

LA FALSA INDICAZIONE DEI DUE MAGREBINI

Il generale Gargaro ha detto che e' stato Sergio Brugiatelli, il proprietario dello zaino rubatogli dai due americani, ad affermare che erano stati probabilmente due cittadini nordafricani ad aggredire i carabinieri in via Cossa. L'uomo avrebbe riferito di "due persone di carnagione scura, presumibilmente magrebini", perche' "aveva paura di dire che conosceva gli autori dell'omicidio e non voleva essere associato al fatto. Solo dalle immagini si e' scoperto l'antefatto".

AGGRESSORI INCAPPUCCIATI

I due californiani indossavano una felpa con il cappuccio tirato su e il dettaglio era gia' contenuto nelle carte dell'inchiesta. Cosi' come non e' nuovo il particolare del coltello da marine nascosto nel controsoffitto della camera dell'hotel Le Meridien dove i due ragazzi alloggiavano.

INCHIESTA CHIUSA IN 12 ORE

"Un bel lavoro di squadra" tra procura e forze dell'ordine "ha consentito di individuare gli autori della morte del vicebrigadiere Mario Rega Cerciello in 12 ore". "Non era affatto scontato - ha spiegato Nunzia D'Elia - che si arrivasse a fare chiarezza su questa vicenda in cosi' poco tempo: per questo il nostro grazie che va ai carabinieri non e' formale ma e' molto sentito, forte e serio. Non e' facile individuare tra le decine di migliaia di turisti che ci sono a Roma in questi giorni due ragazzi che erano andati a comprare dosi di cocaina e che poi hanno deciso, ad acquisto fallito, di prendere appuntamento per ottenere qualcosa in piu' (denaro e droga). Poi su quanto accaduto in quell'appuntamento non ci sono dubbi, al di la' delle dichiarazioni degli arrestati, abbiamo a disposizione foto e immagini chiare".

ELDER NON BENDATO NE' LEGATO

Il californiano che e' accusato di aver ucciso Cerciello Rega non e' stato sottoposto ad alcuna forma di costrizione prima di essere interrogato dai pm. "Non e' stato bendato e neppure legato", ha assicurato Gargaro. Resta da capire perche' Hjorth ha subito un trattamento diverso. Lo accertera' la procura di Roma.

Carabiniere ucciso, i dubbi che restano aperti

Ma di fianco ai punti fermi persistono ancora alcuni punti oscuri nell'indagine sull'omicidio di Cerciello Rega. Il primo è l'ipotesi che il carabiniere ucciso fosse fuori servizio, come lascerebbe intuire il fatto che il militare si sia presentato sul luogo senza pistola. Serve ancora chiarire questo aspetto così come la decisione di coinvolgerlo nelle operazioni di recupero. Allo stesso modo restano alcuni dubbi sulla procedura seguita per l'operazione, con i due militari che scendono dall'auto lasciando l'a vettura di servizio al mediatore Brugiatelli. Prassi inusuale, come sottolinea anche il Corriere della Sera e che potrebbe rilanciare l'ipotesi, già smentita, che l'uomo fosse in realtà un informatore. C'è poi un altro aspetto da chiarire, quella che riguarda la "copertura". Secondo quanto dichiarato dal comandante provinciale in zona c'erano quattro pattuglie, intervenute pochi minuti dopo l'aggressione. E allora bisognerà chiarire come mai erano dislocate queste pattuglie e perché Cerciello partecipa anche se era disarmato. Ultimo aspetto ancora da chiarire, la voce secondo la quale sempre la stessa sera dell'omicidio due giovani, i cui identikit corrisponderebbero a quelli dei due americani, sarebbero stati inseguiti dopo aver compiuto uno scippo da due militari dell'Arma, prima di far perdere le loro tracce nella movida di Trastevere.

Insomma, tanti punti fermi ma anche diversi punti oscuri ancora da chiarire.

Commenti
    Tags:
    carabiniere uccisocercielloindagine
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Arriva la nuova Fiat Panda: più eco, più tecnologica e più divertente

    Arriva la nuova Fiat Panda: più eco, più tecnologica e più divertente


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.