A- A+
Cronache
Caso Riina, Pecorella bacchetta la Bindi e l'Antimafia. Intervista

Gaetano Pecorella, storico avvocato di Silvio Berlusconi e professore di diritto penale, analizza in un'intervista ad Affaritaliani.it gli ulltimi sviluppi del caso legato a Totò Riina

Gateano Pecorella, la presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi è intervenuta in maniera molto decisa sul caso Riina dicendo che deve restare in carcere. Che cosa ne pensa?

A titolo personale Rosy Bindi può fare tutti i commenti che vuole come chiunque altro. Ma da presidente della commissione Antimafia non può e non deve dare indicazioni alla magistratura. Tanto più che le commissioni sono costituite con lo scopo primario di prendere atto di un fenomeno e presentare delle proposte al parlamento per eventuali interventi normativi. La Commissione Antimafia, per quanto sia un'istituzione prestigiosa e molto importante, non è una terza o quarta polizia né un'altra magistratura che si affranca da quella togata.

Ma è un intervento giustificato durante un procedimento che vede coinvolti Cassazione e tribunale di sorveglianza?

Credo che forse sarebbe stato meglio che Bindi non avesse preso posizione in questo momento, ma la ritengo una cosa tutto sommato comprensibile. Certo denota quell'abitudine che c'è in Italia di dire ai magistrati quello che devono fare.

Ci aiuta a fare chiarezza sulla sentenza della Cassazione? Quali conseguenze può avere?

La Cassazione non ha deciso assolutamente nulla. Ha semplicemente dato indicazione ai giudici di merito dicendo di valutare se lo stato del detenuto è assolutamente incompatibile con la situazione carceraria oppure no.

E' un dubbio legittimo se si sta parlando di Riina?

Qui si fa una grande confusione di valori. Se ci sono i presupposti per i quali un detenuto deve essere curato al di fuori delle mura del carcere questo detenuto va scarcerato. Non ci si può basare sulla gravità dei reati commessi dal detenuto nella valutazione della cura adeguata.

E' rimasto colpito dalle intercettazioni di Graviano in cella?

Più che altro mi ha colpito molto l'uso che ne è stato fatto. Intercettazioni come queste richiederebbero indagini serie. Bisognerebbe continuare a indagare prima di renderle pubbliche diffondendo elementi di prova o di indagine già acquisiti. Anche perché così facendo ci si brucia la possibilità di continuare in quella direzione. E in questi mesi lo abbiamo visto succedere varie volte, come per esempio nel caso dell'indagine sulle ong e i migranti. Se le parole di Graviano fossero verificabili sarebbero gravissime. Ma altrimenti sono un modo per colpire una persona, Silvio Berlusconi, che tra l'altro non è nemmeno parte del processo in questione.

twitter11@LorenzoLamperti
Tags:
totò riinapecorellarosy bindi
Loading...
in vetrina
Nina Moric mostra il lato B: foto in intimo bellissima

Nina Moric mostra il lato B: foto in intimo bellissima

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
La febbre nei locali? Si misura ancora all'antica

Coronavirus vissuto con ironia

La febbre nei locali?
Si misura ancora all'antica


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Skoda non solo auto, in gamma 17 biciclette da quelle per bambini alle e-bike

Skoda non solo auto, in gamma 17 biciclette da quelle per bambini alle e-bike


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.