A- A+
Cronache
Cassazione, dire "lesbica" ad una collega porta al licenziamento. La sentenza
Tribunale

Dipendente licenziato per "giusta causa". La sentenza: è una molestia

La Cassazione ha emesso una sentenza destinata a far giurisprudenza: dire "lesbica" ad una collega a lavoro è da licenziamento per giusta causa. Per i giudici della Corte Suprema si tratta di un atto di "discriminazione" che deve essere punito - riporta il Corriere - con il licenziamento. I giudici hanno confermato così la decisione presa dalla Tper, società del trasporto pubblico bolognese, che aveva mandato via un'autista che si era rivolto a una collega affermando: "Come sei incinta tu? non sei lesbica?". Secondo i giudici "l’intrusione nella sfera intima e assolutamente riservata della persona con modalità di scherno" non può essere considerata solo "una condotta inurbana".

La Corte di Appello di Bologna, nel 2020, - prosegue il Corriere - aveva ritenuto eccessivo il licenziamento trasformandolo in recesso unilaterale da parte del datore condannato a versare all’autista venti mensilità. La suprema Corte ha invece stabilito che si tratta di un comportamento "non conforme ai valori presenti nella realtà sociale ed ai principi dell’ordinamento". Anche perché il codice di Pari opportunità tra uomo e donna considera come «discriminazioni» anche le «molestie», ovvero «quei comportamenti indesiderati, posti in essere per ragioni connesse al sesso.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cronache bologna
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo





motori
Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.