A- A+
Cronache
Chi era Giada Zanola, la mamma gettata dal compagno dal cavalcavia in A4

Dagli autocarri alla moda all'amore per i cani: chi era Giada Zanola, la mamma gettata dal compagno dal cavalcavia in A4

Non si è trattato di un incidente, tantomeno di un gesto volontario. Giada Zanola, la 33enne trovata morta a Vigonza, nel Padovano, ai piedi di un cavalcavia lungo l'autostrada A4, è stata uccisa dal compagno. L'ennesimo femminicidio, nel territorio dove meno di un anno fa è stata assassinata Giulia Cecchettin per mano, ancora una volta, di una persona di cui si fidava.

LEGGI ANCHE: Padova, donna precipita dal cavalcavia: non è suicidio, fermato il compagno

Secondo le indagini degli agenti della Polstrada di Padova e di Venezia e dalla Squadra mobile della Questura di Padova, infatti, a spingere Giada verso la morte sarebbe stato il compagno e padre di suo figlio, un bimbo di appena 4 anni, al culmine di una lite in strada. L’uomo di 39 anni, Andrea Favero, è stato posto in stato di fermo nelle scorse ore come indiziato di omicidio volontario e condotto in carcere. “Bresciana di nascita, veneta nel cuore” scriveva sui propri profili social, e in effetti Giada aveva abitato per lunghi anni a San Zeno Naviglio, prima di trasferirsi a Vigonza, nel Padovano. E proprio nel paese del Bresciano, la giovane donna era tornata pochi mesi fa per partecipare al funerale della madre Elena, stroncata da un brutto male alla fine di dicembre.

Giada aveva numerose passioni, come la moda le sfilate: lei stessa, come testimoniano i diversi scatti su Facebook, si divertiva come modella in sella a una motocicletta o ai piedi di un'auto sportiva. Amava anche gli autocarri da rimorchio, sui quali spesso si faceva fotografare e dei quali andava a veri e propri raduni. La 34enne nutriva poi un affetto smisurato per i cani, e aveva come migliore amico a quattro zampe un bellissimo esemplare di Alaskan malamutel, di nome Isaac.

Favero davanti agli agenti avrebbe iniziato a fare parziali ammissioni sull'accaduto, ricostruendo le ore precedenti alla morte di Giada nell’interrogatorio davanti al Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Padova: avrebbe parlato della sua preoccupazione di non poter più vedere il figlio avuto con la compagna, del suo stato di disagio per la relazione ormai in crisi. Una crisi fatta di liti violente, come testimonierebbero lividi o escoriazioni presenti non solo sul corpo della vittima, ma anche su Favero.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Caldo africano con punte fino a 42 gradi. Ecco dove

Caldo africano con punte fino a 42 gradi. Ecco dove





motori
Alpine A290: la rivoluzione elettrica delle Hot Hatch

Alpine A290: la rivoluzione elettrica delle Hot Hatch

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.