A- A+
Cronache

 

Annamaria FranzoniAnnamaria Franzoni



Anna Maria Franzoni, condannata in via definitiva a 16 anni di reclusione per il delitto del figlio Samuele Lorenzi, avvenuto a Cogne nel 2002, e detenuta nel carcere della Dozza di Bologna, è stata ammessa, da lunedì scorso, al lavoro esterno.

La donna (in base all'articolo 21 dell'ordinamento penitenziario) potrà uscire la mattina dal penitenziario per andare a lavorare in una cooperativa nel Bolognese per poi fare rientro la sera in carcere.

Ha scosso fortemente l' opinione pubblica la vicenda giudiziaria di Anna Maria Franzoni, condannata in appello a 16 anni di carcere per aver ucciso il figlioletto Samuele. La sentenza è stata confermata dalla Cassazione in via definitiva. Resta aperta, a Torino, un'inchiesta Cogne-bis per un presunto tentativo di inquinare la scena del delitto durante un sopralluogo del 2004 nella villetta di Cogne. Ecco le tappe principali della storia:

LA STORIA DI UN PROCESSO, TRA TRIBUNALI E STUDI TV

30 gennaio 2002 - Il piccolo Samuele Lorenzi, di tre anni, viene ucciso a Cogne nella casa in cui vive col papà Stefano, la mamma Anna Maria Franzoni e il fratello maggiore, Davide. 14 marzo 2002 - Anna Maria viene arrestata per ordine del gip di Aosta, Fabrizio Gandini, con l'accusa di omicidio volontario.

30 marzo 2002 - Il tribunale del riesame di Torino scarcera la donna per carenza di indizi. 10 giugno 2002 - Accogliendo un ricorso della procura di Aosta, la Cassazione annulla l'ordinanza del tribunale. 19 settembre 2002 - A Torino, il riesame-bis conferma la validità dell'arresto. 26 gennaio 2003 - Anna Maria Franzoni partorisce un altro figlio, Gioele. 10 febbraio 2003 - Il gip di Aosta revoca l'ordine di custodia. Anna Maria, ormai libera dal 30 marzo, verrà giudicata a piede libero.



19 luglio 2004 - Il giudice Eugenio Gramola, ad Aosta, condanna Anna Maria a 30 anni di carcere. 28 luglio 2004 - I consulenti dell'avvocato difensore Carlo Taormina (che da giugno 2002 è subentrato al primo legale, Carlo Federico Grosso) svolgono un sopralluogo nella villetta di Cogne alla ricerca di una soluzione alternativa. 1 novembre 2005 - L'esposto-denuncia inoltrato da Taormina alla magistratura si trasforma in un procedimento per calunnia e frode processuale contro Anna Maria, i consulenti e lo stesso legale. È l'inchiesta Cogne-bis.

16 novembre 2005 - Comincia a Torino il processo d'appello. 20 febbraio 2007 - La Cassazione respinge la richiesta di Anna Maria Franzoni e Taormina di trasferire il processo a Milano per 'legittima suspicionè. 4 marzo 2007 - La Franzoni nomina Paola Savio avvocato di fiducia. Taormina abbandona. 27 aprile 2007 - In appello, la Corte dichiara la Franzoni colpevole ma le riduce la pena a sedici anni di carcere. 14 settembre 2007 - La procura di Torino chiude l'inchiesta Cogne-Bis spedendo gli avvisi a undici persone.

19 ottobre 2007 - Depositate le motivazioni della sentenza d'appello. 11 dicembre 2007 - La difesa della Franzoni presenta ricorso in Cassazione. 12 marzo 2008 - A Milano, Anna Maria Franzoni è condannata a tre mesi di reclusione, con penaa sospesa, per diffamazione ai danni del procuratore di Aosta, Maria Del Savio Bonaudo.

Tags:
cognefranzonicarcereesce
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.