A- A+
Cronache
Cospito resta al 41-bis: Cassazione rigetta ricorso dei legali dell'anarchico

Cospito resta al 41 bis. La decisione della Cassazione

È stato rigettato dalla Cassazione il ricorso contro il regime carcerario del 41-bis presentato dalla difesa di Alfredo Cospito, il leader anarchico, in sciopero della fame da quasi quattro mesi, detenuto nel reparto penitenziario dell'ospedale San Paolo di Milano.

"Assassini, assassini". Si è alzato subito un coro dal presidio degli anarchici davanti alla Cassazione dopo la conferma del 41 bis.

La prima sezione penale della Corte di Cassazione, oltre a rigettare il ricorso, ha condannato il ricorrente al pagamento delle spese processuali. Un altro "no" dopo il parere negativo del tribunale di Sorveglianza di Roma al reclamo avanzato dall'avvocato Flavio Rossi Albertini contro il 41 bis.

"Volevano il martire e lo avranno". E' la lettura che l'avvocato Flavio Rossi Alberttini da' della decisione della Cassazione di confermare il 41 bis al suo assistito Alfredo Cospito. "Avevo maturato qualche speranza - dice - dopo che per ben due volte la Cassazione aveva anticipato l'udienza e soprattutto dopo il parere del pg della Cassazione. Hanno deciso cosi' perche' si sentono forti dal momento che hanno l'opinione pubblica a favore".

LEGGI ANCHE: Cospito, giornata decisiva in Cassazione. Nuovo blitz anarchico a Roma

LEGGI ANCHE: Cospito, Nordio: la revoca 41bis aprirebbe la strada ai mafiosi

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
41 biscassazionecospito
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

MediaTech

Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14


in vetrina
A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova





motori
Kia EV9 Illumina la Norvegia con un sole artificiale

Kia EV9 Illumina la Norvegia con un sole artificiale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.