A- A+
Cronache
Crisi, Cgil: a gennaio 440mila lavoratori in Cig, persi 311 milioni

Oltre 440 mila lavoratori coinvolti in processi di cassa integrazione a zero ore a gennaio che hanno subito un taglio del reddito di 311 milioni di euro, ovvero 700 euro in meno in busta paga per ogni singolo lavoratore. Il tutto frutto delle 81 milioni di ore di cig, richieste e autorizzate, registrate lo scorso mese. Questi alcuni dei dati contenuti nel rapporto della Cgil di gennaio sulla cassa integrazione, frutto di elaborazioni dei dati Inps da parte dell'Osservatorio Cig del sindacato. "E' ancora piena e drammatica emergenza sul fronte lavoro", osserva il segretario confederale della Cgil, Elena Lattuada, nell'invitare il prossimo governo "a dare un segnale di decisa discontinuita' rispetto al passato, che produca effettivi e determinanti cambiamenti, mettendo al centro della sua agenda politica il lavoro". Il paese, conclude la dirigente sindacale, "ha urgente bisogno di una prospettiva positiva e praticabile che non puo' prescindere dalla difesa e dalla creazione di lavoro".

Il rapporto della Cgil segnala come la richiesta di cassa a gennaio sia stata pari a 81.364.033, in riduzione sul mese precedente del -5,28%, cosi' come su gennaio dello scorso anno (-10,36%). Rimane quindi senza variazioni la richiesta media di ore pari a 80 milioni di ore al mese costante a partire da gennaio 2009, cosi' come elevata l'incidenza delle ore di cig per lavoratore occupato nel settore industriale pari, per il solo mese di gennaio gia' di 13 ore per addetto. La flessione registrata nella richiesta di ore, osserva il rapporto, "si deve cosi' principalmente a due fattori: l'aumento della disoccupazione, come testimoniato dall'andamento delle domande di disoccupazione, e la riduzione delle autorizzazioni sulle ore di cassa integrazione in deroga". Nel dettaglio dell'analisi di corso d'Italia si rileva inoltre come la cassa integrazione ordinaria (cigo) a gennaio registri un monte ore pari a 23.778.367, per un -5,28% su dicembre e -23,05% su gennaio 2013.

La richiesta di ore per la cassa integrazione straordinaria (cigs), sempre per quanto riguarda il passato mese, e' stata di 43.864.450, in crescita su dicembre (+9,88%) e su gennaio dello scorso anno (+0,84%). Infine la cassa integrazione in deroga (cigd) ha registrato a gennaio un calo sul mese precedente del -38,68%, e sull'anno del -16,13%, per un totale di 13.721.216 ore. In riduzione le aziende che hanno fatto ricorso ai decreti di cigs. Lo scorso mese sono state 533 con una riduzione del -16,06% sullo stesso mese dello scorso anno e riguardano 973 unita' aziendali (-15,76% sempre sullo stesso periodo). Il rapporto segnala la continua diminuzione delle domande di ristrutturazione (13 per un -27,78%) e riorganizzazione aziendale (8 per un -65,22%). "Gli interventi che prevedono percorsi di reinvestimento e rinnovamento strutturale delle aziende continuano a diminuire e rappresentano solo il 3,94% del totale dei decreti. Un segnale evidente del progressivo processo di deindustrializzazione in atto nel Paese", segnala lo studio Cgil.

Tags:
crisicgilcig
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.