A- A+
Cronache
Dal Morandi al Mottarone: le infrastrutture italiane vanno rifatte con urgenza
La funivia Stresa-Mottarone, il giorno dopo l'incidente mortale (Lapresse)

Le immagini raccapriccianti della funivia precipitata nel bosco, il dolore per le tante vite spezzate, l’angoscia per i bambini che ancora sono appesi a una speranza di vita.

La tragedia del Mottarone appesantisce il cuore degli italiani, riportandoli alle stesse scene di sgomento che avevano caratterizzato il crollo del ponte Morandi. Una tragedia, quella ligure, che certamente non potremo archiviare nel passato fino a quando non vi sarà una pronuncia giudiziaria definitiva. E, con i tempi a cui in Italia siamo ormai tristemente abituati, ci vorrà davvero molto tempo.

A maggior ragione le cause del tracollo della funivia richiederanno una lunga indagine, che affaritaliani.it seguirà, così come in queste ore concitate sta documentando i primi accertamenti. La necessaria prudenza e il rispetto dovuto alle tante famiglie spezzate da questa tragedia impongono di sospendere il giudizio, ma intanto c’è un aspetto che già si puà mettere in luce, essendo trasversale a questi due casi di cronaca, ma non solo.

Le infrastrutture italiane, nella maggior parte dei casi, risalgono agli anni Sessanta, decisamente più floridi sul piano economico di quelli che stiamo vivendo. Questo handicap, insieme all’instabilità politica e all’incertezza del diritto, rappresenta una pesante zavorra che impedisce al Paese di competere ad armi pari con altri grandi Stati europei.

Il dissesto idrogeologico, che tante altre disgrazie ha causato anche nel recente passato, è un ulteriore tassello di questo puzzle, che, alla vigilia dell’arrivo dei fondi del Recovery Plan, richiede una soluzione definitiva.

Pur con tutta l’attenzione possibile per la tutela dell’ambiente, che dovrebbe essere in cima a qualunque agenda politica, un credibile piano di investimenti sull’ammodernamento delle infrastrutture sarebbe vitale per il rilancio dell’Italia e, “dettaglio” non da poco, ridarebbe ossigeno a un settore importante come quello delle costruzioni, che già prima del Covid-19 era stato messo in ginocchio dalla crisi originata dai mutui subprime.

Alla politica che oggi fa a gara per digitare il post più strappalacrime sulla tragedia del Mottarone va ricordata una cosa semplice: o si rifanno davvero tutte le infrastrutture italiane o si muore. Di crolli o di inedia.   

Commenti
    Tags:
    mottarone
    in evidenza
    Covid vissuto con ironia

    Guarda la gallery

    Covid vissuto con ironia

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente





    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.