A- A+
Cronache
Delitto Mollicone, l'Arma fa ricorso e chiede i danni: "Disonorata la divisa"

Omicidio Mollicone, l'Arma dei Carabinieri fa ricorso contro l'assoluzione dei suoi militari

Anche l'Arma dei Carabinieri ha presentato appello contro l'assoluzione dei suoi militari, scagionati dalla Corte d'Assise di Cassino dall'accusa di avere avuto un ruolo nell'omicidio di Serena Mollicone: la liceale di Arce scomparsa il primo gennaio 2001 e trovata dopo tre giorni morta nel bosco Fonte Cupa nella vicina località Anitrella.

Pochi minuti prima della scadenza dei termini, ieri pomeriggio l'avvocato Maurizio Greco ha appellato la sentenza di assoluzione nella parte che riguarda il luogotenente Franco Mottola, all'epoca dei fatti comandante della stazione carabinieri di Arce, dove sarebbe avvenuto il delitto secondo la Procura; il luogotenente Vincenzo Quatrale e l'appuntato Francesco Suprano.

I Carabinieri chiedono ai tre militari un risarcimento complessivo di 200.000 euro per il danno provocato all'immagine dell'Arma. Richiesta motivata dal fatto che la loro condotta, stando alla ricostruzione dell'accusa, non sarebbe stata leale ma omissiva. Il risarcimento si inserisce nelle richieste avanzate in appello: La sorella di Serena, Consuelo, ha chiesto un risarcimento di un milione alla famiglia Mottola e mezzo milione al luogotenente Quatrale; i familiari del brigadiere Santino Tuzi, in servizio il giorno della scomparsa della liceale e poi morto suicida, hanno chiesto un milione di euro; i legali dello zio della vittima hanno chiesto 5,5 milioni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
carabinieridelitto mollicone
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria





motori
Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.