A- A+
Cronache
Il peluche del virus Ebola va a ruba

Nella tragedia c'è sempre una sorta di risvolto grottesco e assurdo. Come quando si scatena il turismo dell'orrore sui luoghi dei delitti. Stavolta parliamo dell'emergenza Ebola invece. Sta andando a ruba un peluche con la forma del virus da quando l'epidemia è esplosa e si sono registrati i primi casi di contagio in Occidente.

A produrre il peluche è un'azienda americana che normalmente produe proprio perluches a forma di microbi e virus. Ora sul sito della Giant Microbes alla voce peluche di Ebola appare la scritta "Esaurito". E come se non bastasse c'è anche una discutibile descrizione: "Scoperto nel 1976, Ebola è diventato il T.Rex dei microbi". II prezzo del peluche, con la forma di un verme lungo, va dai 9,95 dollari a circa 30 per quello gigante da 60 centimetri.

 L'azienda, nata nel 2002, oggi distribuisce oltre 150 diversi microbi di peluche nel mondo e ne ha venduti oltre 10 milioni.

Tags:
ebolapeluche
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.