A- A+
Cronache
Ecomafie, le discariche in mano alle cosche. 24 arresti

I Carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Reggio Calabria stanno eseguendo, in Calabria, Veneto e Francia, un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia reggina, nei confronti di 24 indagati per associazione mafiosa, turbata liberta' degli incanti, intestazione fittizia di beni e sottrazione di cose sottoposte a sequestro, con l'aggravante delle finalita' mafiose. Al centro delle indagini del ROS, le infiltrazioni della 'ndrangheta nel settore degli appalti ecologici, nel cui ambito sono stati accertati gli accordi tra le cosche reggine per la spartizione degli enormi profitti derivanti dalla gestione fraudolenta delle discariche regionali.

Documentato, anche, il controllo da parte degli indagati di imprese gia' sequestrate alla cosca con la complicita' di un amministratore giudiziario, anch'egli destinatario di un provvedimento restrittivo. Sequestrati beni aziendali e quote societarie per un valore complessivo di 18 milioni di euro. I particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa, tenuta dal Procuratore della Repubblica Federico Cafiero de Raho che si terra' alle 11 presso il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria.

Arrestato in Francia dal servizio regionale della polizia giudiziaria di Nizza e dal Ros, grazie al servizio di cooperazione Interpol, l'imprenditore ndraghetista Matteo Alampi. Con lui anche la moglie, Maria Giovanna Siclari. I due si trovavano in una localita' della Costa Azzurra. Alampi, subito dopo la scarcerazione avvenuta nello scorso mese di marzo, al termine di un periodo di detenzione per associazione mafiosa, si era trasferito a Villefranche sur Mer, per sottrarsi alla notifica della sorveglianza speciale. La polizia giudiziaria di Nizza ed il Ros lo hanno rintracciato, notificadogli il mandato di arresto europeo emesso dalla procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria, per associazione mafiosa ed intestazione fittizia di beni. Matteo Alampi e' ritenuto la mente imprenditoriale dell'organizzazione criminale, gia' capeggiata dal padre Giovanni Alampi, quest'ultimo tratto in arresto nel 2010 nel corso dell'operazione "Il crimine", che ne aveva delineato il ruolo di capo del "locale" di Trunca, attivo nell'omonima frazione del capoluogo reggino.

Tra gli arrestati nell'ambito dell'operazione Rifiuti Spa 2 condotta stamani dai carabinieri del Ros di Reggio Calabria vi sono anche due noti avvocati penalisti reggini: Giulia Dieni e Giuseppe Putorti'. Entrambi destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere, sono accusati di associazione mafiosa poiche' avrebbero supportato e veicolato dinamiche interne alla cosca portando messaggi da e per il carcere.

Tags:
ecomafiadiscariche
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

Scatti d'Affari
Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”





casa, immobiliare
motori
Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.