A- A+
Cronache
corea 4

Ho visto moltissime esecuzioni tra il 1998 e il 2005, almeno tre alla settimana. E tutte avvenivano in strada, davanti a me e alla mia famiglia. Tutti nel villaggio erano costretti a guardare, adulti e bambini”. A parlare è Choi Eun-Ok, un’infermiera nordcoreana che, soltanto tre mesi fa, ha scelto di lasciare ogni cosa e di fuggire in Corea del Sud, esule dal regime dei Kim. La donna ha racconta la sua drammatica vicenda a una troupe di giornalisti del Daily Mirror.

La donna, che oggi ha 54 anni, racconta che perfino i suoi bambini erano obbligati a guardare le esecuzioni per volere dei soldati: “Volevano indottrinarli fin da piccoli, convincerli all’obbedienza, e dovevano vedere cosa sarebbe successo se non l’avessero fatto. Non aveva scelta: ogni volta venivano a casa nostra e ci ordinavano di portare fuori i nostri figli, per vedere le persone giustiziate. Gli sparavano, e i condannati erano vestiti con abiti pesanti. Almeno non abbiamo mai visto molto sangue. Ma a partire dal 1998 le esecuzioni sono diventate un vero e proprio orrore: volevano farci vedere quanto più sangue possibile. I miei bambini poi non mangiavano per giorni, perché erano scioccati. Anche se, ultimamente, non c’era molto cibo che potessi offrirgli”.

Adesso Choi vive in una vivace città non lontano da Seul, ma è difficile lasciarsi alle spalle quegli anni di terrore: per gran parte della sua vita ha vissuto con il marito e i due figli a Gyung Seong, una città a nord-est di Pyongyang, la capitale della Corea del Nord. Il figlio è morto qualche anni fa in un incidente, mentre la figlia si è trasferita in Cina dove per vivere è stata costretta a prostituirsi.

Soltanto lei, grazie all’auto di un attivista locale, è riuscita a scappare oltre il confine. “So di essere al sicuro qui, ma dov’è la mia famiglia?”. Quando un nordcoreano scappa oltreconfine, viene considerato “presumibilmente morto” dalle autorità del regime: i parenti più prossimi non possono mettersi in contatto con il proprio caro. “Qui sono libera, ma non ho niente”.

Tags:
coreaesecuzionicondanna a morte
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.