A- A+
Cronache
Morì dopo l'arresto. I giudici: "Non vi fu violenza gratuita della polizia"

"Non vi fu alcuna violenza gratuita" da parte dei 4 poliziotti che arrestarono Michele Ferrulli, morto il 30 giugno 2011 a Milano mentre gli agenti lo stavano ammanettando. Lo scrivono i giudici della Prima Corte d'Assise di Milano nelle motivazioni alla sentenza con la quale il 3 luglio scorso hanno assolto Michele Lucchetti, Roberto Stefano Piva, Sebastiano Cannizzo e Francesco Ercoli dall'accusa di omicidio preterintenzionale.

Secondo i giudici, i poliziotti agirono in modo legittimo colpendo Ferrulli solo per vincerne la resistenza durante l'ammanettamento.

"La condotta di colluttazione - spiega il giudice Guido Piffer, che ha scritto le motivazioni - e' tipica solo se interpretata come condotta di 'percosse' (...). In realta' non fu usato alcun corpo contundente, la condotta di percosse consistette nei soli 'tre colpi' e 'sette colpi' (dati in modo non particolarmente violento); tale condotta fu giustificata dalla necessita' di vincere la resistenza di Ferrulli a farsi ammanettare; si mantenne entro i limiti imposti da tale necessita', rispettando altresi' il principio di proporzione".

Tags:
michele ferrullipoliziaviolenza
in evidenza
La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO

La V° edizione, dal 26 al 28 agosto

La Piazza di Ceglie snodo delle elezioni. Il direttore Perrino ospita tutti i big - VIDEO


in vetrina
Eleonora Berlusconi in vacanza La single più desiderata d’Italia

Eleonora Berlusconi in vacanza
La single più desiderata d’Italia





casa, immobiliare
motori
Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL

Dal fiuto di Maximilian E. Hoffman 70 anni fa nasceva la Mercedes SL


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.