A- A+
Cronache
Gaia, 20 anni, è sparita nel nulla. Partita da Genova per la Sicilia...
Gaia Randazzo 

Scomparsa nel nulla dal traghetto che avrebbe dovuto portarla a Palermo


Gaia aveva 20 anni, amava gli animali e la natura. Aveva amici, faceva progetti, adorava la sua famiglia. Il 10 novembre scorso è partita da Genova in nave con il fratello minore per andare a trovare la nonna che vive a Cinisi, in Sicilia, ma non è mai arrivata. Scomparsa nel nulla dal traghetto che avrebbe dovuto portarla a Palermo.

Di lei restano una felpa, abbandonata su una panchina della nave, e lo zainetto con il cellulare, lasciato sulla poltrona che occupava prima di sparire. Come si legge su Il Corriere della Sera, gli investigatori, dopo aver setacciato il traghetto palmo a palmo e controllato uno a uno i camion imbarcati, hanno pochi dubbi. Gaia si è suicidata, lanciandosi in acqua, per amore.

Gaia RandazzoGaia Randazzo
 

Un messaggio trovato nel cellulare - che sarà analizzato solo mercoledì prossimo dai consulenti tecnici - e destinato, sebbene mai inviato, al suo fidanzato (o ex) proverebbe l'intenzione di farla finita. «Ti amo, addio, perdonami», avrebbe scritto. Parole che però, per i genitori della ragazza, non provano che si sia lasciata cadere in mare.

"Gaia ci aveva detto di aver lasciato il suo ragazzo, ci raccontava tutto. Si vedevano da 4 mesi, era poco più di una amicizia. Non ne soffriva, non era depressa, era stata lei a chiudere", spiega la madre, Angela Randazzo, siciliana d'origine come suo marito Rocco con il quale, 30 anni fa, ha deciso di trasferirsi a Codogno, in Lombardia. Da 15 giorni, Angela vive incollata al telefono in attesa di notizie della figlia. Non ha perso la speranza di trovarla.

"Finora ci ha sentiti la polizia marittima di Palermo, ma alle domande che abbiamo fatto nessuno ha dato risposta", racconta. Un silenzio che ha spinto i Randazzo a nominare un legale, l'avvocato Aldo Ruffino, per cercare di avere informazioni sul caso. "Vorremmo visionare le telecamere della nave - spiega la signora -. Ma non c'è stato detto se ce ne fossero e se fossero funzionanti. Né, da quel che sappiamo, qualcuno ha interrogato i passeggeri e il personale".

L'impressione dei familiari, insomma, è che alla tesi del suicidio si sia arrivati troppo presto. Perché di una cosa Rocco e Angela sono certi: Gaia non si è uccisa. "Progettava di prendere la patente, aveva finito il corso da estetista e cercava lavoro, sognava di andare dalla nonna e di poter mangiare le arancine che adorava. Una persona che ha scelto di morire si comporta così?

E poi se avesse avuto problemi gravi ne avrebbe parlato, si confidava con noi e con i fratelli, aveva mille amiche. Anche loro sono incredule, chi la conosceva sa quanta voglia di vivere avesse". E allora cosa è accaduto?

"Vorremmo saperlo dagli investigatori - dicono i familiari -. Ci risultano casi di aggressioni sulle navi e strani episodi che hanno avuto come vittime giovani donne. Rivolgiamo un appello a chiunque era a bordo e potrebbe aver visto qualcosa. Ogni particolare è importante".

Ad avvertire Angela della scomparsa di Gaia è stato un funzionario della biglietteria della Gnv, la compagnia proprietaria del traghetto. Suo fratello, che si era addormentato e al risveglio non ha trovato sua sorella accanto a sé, dopo averla cercata ovunque ha mandato un messaggio alla madre: "Mi avevi chiesto di fare una cosa e non l'ho fatta". I genitori avevano raccomandato ai ragazzi di prendersi cura l'uno dell'altra. "Ama sua sorella e si sente in colpa - spiega la madre -. Non si perdona di averla persa di vista".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gaia randazzo scomparsa giallo
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Erutta il vulcano Ruang, scatta il livello massimo allerta. Rischio tsunami

Guarda le foto

Erutta il vulcano Ruang, scatta il livello massimo allerta. Rischio tsunami


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024





motori
Mercedes-Maybach e LaChapelle insieme alla Milano Design Week

Mercedes-Maybach e LaChapelle insieme alla Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.