A- A+
Cronache

 

 

simona riso 2


Simona Riso, la 28enne trovata in fin di vita nel cortile dello stabile di via Urbisaglia la mattina del 30 ottobre e mortta poche ore dopo al San Giovanni,  non sarebbe stata uccisa: le lesioni che hanno causato il decesso se le sarebbe procurata lei stessa precipitando dal tetto del palazzo in cui abitava.  Forse l'ennesimo episodio di autolesionismo, che si aggiunge ad altri che hanno segnato l'oscuro passato della giovane. Tanto che ora si ipotizza che a segnare il fragile equilibrio psichico di Simona possa essere stato un trauma del passato, un abuso subito da una persona a lei vicina.

La ragazza aveva alle spalle una storia psichiatrica complessa. Specialisti di più strutture romane si erano occupate del suo caso per capire quale fosse l'origine di quel "buco nero" che spesso mandava in frantumi il fragile equilibrio psichico di questa ragazza. Il procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani, che indaga ancora per omicidio volontario (anche se di omicidio, ormai, c'è ben poco) vuole ricostruire il passato medico e terapeutico di questa ragazza tormentata e inquieta che soffriva di depressione e che, scappata anni fa dalla Calabria, continuava a non trovare pace, andando prima a Dublino, raggiungendo poi la sorella a Milano e trasferendosi, infine, nella Capitale.

Ai soccorritori del 118, quella mattina, Simona disse di aver subito una violenza sessuale (circostanza esclusa con certezza dai medici del San Giovanni) e adesso chi indaga vuole verificare se un paio di episodi di autolesionismo, emersi dal passato oscuro di questa ragazza, possa trovare spiegazione in un trauma che forse qualcuno della sua famiglia conosceva e che più psichiatri hanno tentato di analizzare. Con il trascorrere dei giorni, gli inquirenti sono sempre più convinti che il 30 ottobre nessuno abbia aggredito Simona.

In procura si ritiene importante e utile la testimonianza di due religiosi che abitano davanti allo stabile della giovane e che hanno riferito di aver sentito improvvisamente alle 6.30 un tonfo nel silenzio che regnava nel cortile. Nessuna richiesta di aiuto, nessun grido, nessuna concitazione: al di là di quel rumore, nulla sarebbe stato avvertito dai due religiosi che si sono pure affacciati alla finestra ma, avendo visto alcuni gatti rincorrersi in giardino, non hanno pensato alla caduta di una persona, precipitata dalla terrazza condominiale, che prima di impattare a terra ha colpito alcuni alberi che erano nella traiettoria.

Tags:
simonaabusataromabalcone
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.