A- A+
Cronache
"Giletti? Una pedina, Cairo aveva paura". Nuove indagini sulla foto di Baiardo

Berlusconi-Graviano, nuove indagini sulla foto del caso Giletti-Baiardo

Continua a far discutere la vicenda di Massimo Giletti, tra lo stop improvviso a "Non è l'arena" da parte di La7 e la presunta foto posseduta da Salvatore Baiardo che documenterebbe un incontro fra Silvio Berusconi e Giuseppe Graviano. Come scrive il Corriere della Sera, "dalle perquisizioni non è saltata fuori. Ma gli inquirenti non smetteranno di cercare".

Secondo il Corriere, "uno scatto tirato fuori forse per farci su un po’ di soldi, risalente a 31 anni fa, di cui Giletti ha parlato ai magistrati di Firenze che indagano sui mandanti occulti delle stragi del ‘93. «Me l’ha fatta vedere senza consegnarmela, tenendola lontana. Ho visto raffigurate tre persone seduta a un tavolino. Berlusconi l’ho riconosciuto, era giovane», ha raccontato ai pm del capoluogo toscano a febbraio il giornalista".

Baiardo nega di aver mai fatto cenno allo scatto. "Nonostante le intercettazioni lo smentiscano e confermino che della foto al giornalista aveva parlato. Dell’istantanea, mai mandata in onda perché Giletti avrebbe chiesto, senza averli, ulteriori riscontri, non è stata trovata però ancora traccia". Nel frattempo, su TikTok Baiardo dice di aver rotto con Giletti "perché non era libero di dire tutto quel che avrebbe voluto".

Enrico Deaglio: "Giletti una pedina, Cairo era spaventato"

Secondo la Stampa, Baiardo "ha provato a piazzare lo scatto anche al programma Report di Rai Tre". Sempre la Stampa intervista Enrico Deaglio, che definisce Giletti una "pedina". Deaglio dice di non aver più senito Giletti ma "in compenso mi ha cercato Cairo. Voleva parlarmi. Di queste storie. Sono andato a Milano. Era spaventato", spiega a La Stampa. "Ci teneva a farmi sapere che quando era assistente personale di Berlusconi, fu messo in guardia: “Attento, Dell’Utri vuole farti fuori”.

Su Giletti, Deaglio sostiene che "volesse fare il grande colpo: la foto di Graviano e Berlusconi. Mentre Berlusconi è in ospedale e si riparla di Mediaset in vendita".

Sandra Amurri: "Giletti in buona fede, lo tengono in gabbia"

Libero ha invece intervistato la giornalista siciliana Sandra Amurri, esperta di mafia e ospite fissa di Giletti sulle vicende riguardanti Baiardo e i Graviano. "Repubblica dice che Giletti ha comprato l’ex mafioso Baiardo..." esordisce Libero e Amurri risponde: "Il titolo di Repubblica grida vendetta. Chiedo: ma pagare una persona che va ospite in una trasmissione tv di grande successo è un reato? Se è stato compensato questo è avvenuto alla luce del sole".

Ancora Amurri su Giletti: "A Massimo gli è stata inflitta la pena, di restare a disposizione de La7 fino a giugno, quando scadrà il contratto e questo vuol dire tenerlo in gabbia". E ancora: " Sono certa che non abbia commesso nulla in malafede". 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
baiardoberlusconigravianomassimo gilettireport
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria





motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.